Sequestro aggravato di persona e violenza, assolto: il fatto non sussiste

Il Tribunale di Castrovillari, in totale accoglimento delle richieste avanzate dal penalista Avv. Francesco Nicoletti, ha assolto T.I.B., 43enne domiciliato a Mirto Crosia.

Assolto dall’imputazione di violenza privata ed esercizio arbitrario delle proprie ragione con violenza sulle persone per come riqualificata dal GIP l’originaria e più grave rubrica imputativa di sequestro di persona aggravato.

Assolto dall’imputazione di violenza privata ed esercizio arbitrario delle proprie ragione con violenza sulle persone per come riqualificata dal GIP l’originaria e più grave rubrica imputativa di sequestro di persona aggravato.

I FATTI La vicenda risale all’agosto del 2015 e vede protagonista il 43enne in qualità di conducente di un autobus che, a fronte del mancato pagamento del biglietto, era accusato di aver sequestrato bagagli e documenti di tre persone. In quella circostanza un uomo telefonò alla Stazione dei Carabinieri di Mirto denunciando il comportamento dell’autista nei confronti della fidanzata. E di due parenti di quest’ultima, i quali si trovavano a bordo di un autobus che stava per giungere a Mirto Crosia.

I Carabinieri si recarono, quindi, presso la Stazione ferroviaria, dove vi era anche la fermata degli autobus e dove una persona riferì che l’autista aveva condotto tre soggetti in un appartamento del quale fornì anche l’indirizzo. Recatisi presso l’immobile, i militari trovarono effettivamente tre persone sedute, immobili su un divano, le quali riferirono che i loro documenti erano stati trattenuti dall’imputato. I tre raccontarono ai Carabinieri di essere stati minacciati dall’autista in quanto non avevano pagato il prezzo del biglietto di viaggio. E che, quest’ultimo, si era fatto consegnare documenti di identità e bagagli prima di costringerli. Con le minacce e contro la loro volontà, a seguirlo presso la sua abitazione.

L’ARRESTO. Raccolte le denunce, l’imputato veniva quindi tratto in arresto e tradotto presso la Casa Circondariale di Castrovillari.

Già in sede di convalida dell’arresto il GIP, sulla scorta delle richieste avanzate dalla difesa, riqualificava l’originaria contestazione di “sequestro di persona aggravato” con quella di “violenza privata” e ordinava la scarcerazione dell’uomo applicando nei suoi confronti la misura dell’obbligo di dimora.

IL PROCESSO All’esito del processo celebratosi dinanzi al Tribunale di Castrovillari, in totale accoglimento delle richieste avanzate dall’Avv. Francesco Nicoletti, il 43enne T.I.B. è stato assolto con la formula più ampia “perché il fatto non sussiste”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'anno scorso lo Stato ha pagato oltre 27 milioni di euro per risarcire chi ha subito un'ingiusta detenzione
Il ministro dell’Interno ha visitato la tensostruttura realizzata nel porto di Roccella, che nel 2023 ha accolto oltre 2mila persone
Instabilità in aumento nel pomeriggio con acquazzoni e temporali sparsi specie sulle zone interne e sui settori tirrenici
Il suo ultimo brillante lavoro risale a quattro anni fa, nel 2019, con la realizzazione della concattedrale di Lamezia Terme
La Corte di appello di Catanzaro ha accolto la richiesta difensiva disponendo per l'imputato una misura cautelare più gradata
Emergono altri dettagli dall'inchiesta della Dda di Bologna: i profitti reimpiegati in 14 società intestate a prestanome
Eseguite 41 misure cautelari a carico di presunti affiliati alla 'ndrangheta reggina e crotonese. I dettagli e i numeri dell'inchiesta della Guardia di Finanza
Si tratta dell'ammissione più esplicita da parte dei cinesi che qualcosa di anomalo possa essere accaduto, anche se il governo di Pechino ha sempre negato
Quello del 2 giugno, secondo gli esperti, sarà un Ponte dai due volti sul fronte meteorologico
Coinvolto un soggetto ritenuto vicino ai clan locali, gravato da numerosi precedenti penali. Sigilli a 5 abitazioni e 2 terreni
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved