Calabria7

Sequestro beni per oltre 2 milioni a imprenditore vicino alla ‘ndrangheta (VIDEO)

I militari del Comando provinciale della Guardia di finanza di Reggio Calabria, con il coordinamento della locale Procura della Repubblica, Direzione Distrettuale Antimafia, diretta dal procuratore capo Giovanni Bombardieri, hanno eseguito un provvedimento di sequestro del patrimonio, costituto da un’impresa individuale e relativo compendio aziendale, 12 immobili, rapporti finanziari e quote societarie, per un valore complessivo stimato pari ad oltre 2 milioni di euro, riconducibile a Domenico Musolino, di 45 anni, imprenditore indiziato di contiguità alla ‘ndrangheta. La figura del soggetto emerge, tra l’altro, nell’operazione:

  • Rupes, nel cui ambito è stato rinviato a giudizio per associazione per delinquere finalizzata al compimento di reati contra la Pubblica amministrazione, concorso in turbata libertà degli incanti, con l’aggravante dalla finalità di agevolazione mafiosa;
  • Camaleonte, nel cui ambito è stato rinviato a giudizio per concorso in corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, nonché per associazione per delinquere aggravata dalla finalità di agevolazione mafiosa;
  • A ruota libera, nel cui ambito è stato rinviato a giudizio, tra l’altro, per concorso in truffa aggravata ai danni di un Ente locale e frode nelle pubbliche forniture, attività organizzata per il traffico illecito di rifiuti, nonché per associazione per delinquere aggravata dalla finalità di agevolazione di associazione mafiosa.

Sproporzione tra reddito e patrimonio

Alla luce di tali risultanze, il Gruppo Investigazione Criminalità Organizzata del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Reggio, ha eseguito su delega della locale Dda, con il coordinamento del procuratore aggiunto Calogero Gaetano Paci e del sostituto procuratore Stefano Musolino, mirate indagini economico-patrimoniali sul conto del proposto e del suo nucleo familiare. In tale contesto, valorizzando le funzioni proprie della Guardia di Finanza nella prevenzione e contrasto ad ogni forma di infiltrazione della criminalità nel tessuto economico del Paese, l’attività investigativa ha consentito di accertare la sussistenza di una significativa sproporzione tra il profilo reddituale e quello patrimoniale del proposto e del suo nucleo familiare.

In aderenza alle ipotesi investigative delle Fiamme gialle e della locale Dda, la Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria, ha disposto nei confronti dell’imprenditore in rassegna la misura cautelare del sequestro avente ad oggetto il relativo patrimonio illecitamente accumulato, costituito da 1 impresa individuale, comprensiva dell’intero patrimonio aziendale, 5 immobili, quote societarie, rapporti finanziari e assicurativi, per un valore complessivo pari ad oltre 2 milioni di euro.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Romanzo Criminale contro il clan Patania, 12 condanne

manfredi

Blitz anticamorra, la droga spedita dai Pesce-Bellocco viaggiava nei furgoni del caffè

Mimmo Famularo

Reggio Calabria, usura bancaria ed estorsioni: chiuse indagini per 7 persone

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content