Calabria7

Sequestro milionario all’imprenditore Rutigliano, annullata la confisca dei beni

rutigliano confisca

La Corte di Appello di Catanzaro, decidendo su rinvio della Suprema Corte di Cassazione, accogliendo completamente le argomentazioni difensive presentate dall’avvocato Francesco Gambardella (difensore di Michele Rutigliano) e dell’avvocato Antonio Larussa (difensore di Domenico Rutigliano) ha annullato la confisca disposta dal Tribunale Misure di Prevenzione di Catanzaro e confermata dalla Corte di Appello di Catanzaro disponendo la restituzione di tutti i beni ritenuti di valore superiore al milione di euro alla famiglia Rutigliano.

I fatti

Nel marzo del 2018 la Guardia di finanza di Lamezia Terme, delegato dall’ufficio di Procura, dato esecuzione al sequestro ed alla contestuale confisca di beni mobili, immobili e quote societarie riconducibili ad un imprenditore del lametino, Michele Rutigliano, 61 anni, di Curinga, nonché nei confronti del figlio Domenico e di altri familiari, accumulati nel tempo con i proventi derivanti soprattutto, tra l’altro, da evasione fiscale ed attività illecite assimilate.

Il provvedimento giudiziario

Il provvedimento giudiziario, era stato adottato dal tribunale di Catanzaro – sezione seconda penale, su richiesta della Procura della Repubblica di Lamezia, sulla base delle informative del gruppo della guardia di finanza lametina. La confisca del patrimonio dell’imprenditore rappresenta l’esito delle indagini di polizia economico–finanziaria, istituzionalmente svolte dalle fiamme gialle, volte all’individuazione e all’aggressione dei patrimoni conseguiti da chiunque si arricchisca a mezzo di attività illecite di qualsivoglia natura. Gli accertamenti patrimoniali e reddituali dei finanzieri, condivisi dalla Procura e dal tribunale di Catanzaro, sono infatti riusciti a dimostrare che i beni confiscati hanno un valore economico del tutto sproporzionato ed ingiustificato rispetto ai redditi leciti dichiarati nel tempo dall’imprenditore indagato.

Secondo gli inquirenti era stato dimostrato un solido quadro indiziario, indispensabile per disporre il sequestro e la contestuale confisca del patrimonio rivelatosi di origine illecita o ingiustificato nel legittimo possesso, per una sproporzione accertata di oltre 2.300.000 euro. Secondo quanto ritenuto dagli accertamenti delle “fiamme gialle”, infatti, per nascondere la reale disponibilità dei beni sottoposti a misura ablatoria l’imprenditore si avvaleva anche di tre familiari “prestanome”.

“Evasore fiscale socialmente pericoloso”

All’epoca del sequestro e della successiva confisca si riteneva il fatto di particolare spessore investigativo in quanto eseguita – secondo l’accusa – nei confronti di soggetto “evasore fiscale socialmente pericoloso”, e risultava essere la prima della specie di tali proporzioni operata dalla Procura lametina, sequestrando e confiscando numerosi immobili, soprattutto terreni e fabbricati commerciali, oltre che quote societarie, beni mobili e veicoli vari, per un valore oltre il milione di euro. La Corte di Appello di Catanzaro con provvedimento del luglio 2018 ha confermato la confisca disposta dal Tribunale di Catanzaro.

Successivamente, la Suprema Corte di Cassazione, nell’accogliere il ricorso del Rutigliano ed annullare con rinvio il provvedimento di confisca (anche su conforme richiesta del Procuratore Generale), riteneva tra l’altro che “…Non di meno, quanto meno apodittico appare il giudizio formulato dai giudici di merito, che hanno qualificato il proposto come “evasore fiscale seriale”. Giudizio che non tiene conto – come correttamente osservato nel ricorso – dell’insegnamento di questa Corte per cui il requisito della pericolosità generica che legittima l’applicazione della confisca, non può essere desunto dal mero “status” di evasore fiscale seriale, in quanto, per stabilire se il proposto viva abitualmente con i proventi dell’attività delittuosa, occorre considerare la struttura dei reati commessi – assumendo rilievo le sole condotte generatrici di un profitto e non anche quelle meramente dirette ad evitare il pagamento di imposte riferite a redditi lecitamente prodotti – nonchè l’eventuale definizione in sede conciliativa della pretesa fiscale da cui sia derivata il recupero dell’imposta evasa…”

A seguito di giudizio di rinvio, la Corte di Appello di Catanzaro, con provvedimento del 9 luglio 2021, nell’accogliere le deduzioni degli avvocati Gambardella e Larussa, ha ritenuto che gli elementi di fatto ricavabili dalle condanne del Rutigliano non hanno trovato alcun riconoscimento di fatto per accertare la pericolosità generica. Da qui la restituzione dell’intero patrimonio.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Il Pd a confronto, Zingaretti torna in Calabria

Andrea Marino

Depurazione, Pd Catanzaro: “Puntare sul turismo richiede programmazione”

Mirko

Falsi diplomi e corruzione a Vibo, ecco chi sono i professionisti arrestati (NOMI)

Mimmo Famularo
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content