Calabria7

Serie B, amarezza Reggina: la Virtus Entella agguanta il pari al 90′

reggina toscano

di Antonio Battaglia – Anche quest’oggi una bella Reggina. Propositiva, caparbia, quadrata. Stavolta, però, la fortuna ha voltato le spalle agli amaranto, rei altresì di non essere riusciti a concretizzare l’enorme mole di gioco costruita nel secondo tempo. Finisce 1-1 al Comunale di Chiavari la sfida tra la Virtus Entella e i ragazzi di Toscano, che perdono così due punti preziosi in chiave classifica. Dopo un primo tempo contratto, la Reggina ha incanalato il match sui binari della vittoria non riuscendo, però, ad abbinare il bel gioco alla giusta cattiveria sottoposta. Un fattore che continua a pesare notevolmente in casa amaranto e obbliga lo staff capitanato da Toscano alle dovute riflessioni in vista del futuro.

Formazioni e scelte tattiche

Formazione della vigilia praticamente confermata per Bruno Tedino, che inserisce l’ex Ascoli Morosini alle spalle della coppia offensiva formata da Giuseppe De Luca e Matteo Brunori. In mezzo al campo agiscono Brescianini assieme a Paolucci e Crimi mentre nella corsia mancina di difesa trova spazio Pavic. De Col sulla fascia opposta e coppia centrale formata da Chiosa e Poli.

Tra gli ospiti si registra l’esordio per Guarna, che prende il posto di Plizzari positivo al Covid19. Prima da titolare anche per Thiago Cionek in difesa, affiancato da Loiacono e Rossi, mentre Situm e Liotti assistono ai lati la coppia di centrocampo formata da Crisetig e Bianchi. In avanti, Bellomo agisce da trequartista alle spalle di Menez e Denis.

Primo tempo

Dopo quattro minuti, Liotti sfodera un mancino dalla distanza che non trova l’incrocio per pochi centimetri. Gli amaranto pressano alti e si rendono protagonisti di un lungo possesso palla nel tentativo di impensierire la retroguardia avversaria. Più timida la formazione di casa che resiste grazie al grande lavoro di Paolucci davanti alla difesa e prova a creare pericoli soprattutto sulla corsia di destra.

Il match vive di spunti e tanto possesso palla, ma alla mezzora cambia leggermente il copione con la Reggina schiacciata dal pressing estenuante dei padroni di casa. Al 38’ De Luca insacca, ma il gol viene annullato per posizione di fuorigioco.

Secondo tempo

Mimmo Toscano manda subito in campo Paolucci e Toscano. Dopo sei minuti, la sua Reggina passa in vantaggio con un calcio di punizione dal limite battuto in maniera maestrale da Crisetig. La Reggina prova ad addormentare la sfida, ma l’Entella non ci sta e prova ad affacciarsi nella metà campo avversaria.

Al minuto 58, gli amaranto hanno la chance di raddoppiare: pallone in profondità per Jeremy Menez, che si presenta in area di rigore e calcia con il mancino trovando però la puntuale respinta di Borra. All’ora di gioco altra svolta negativa per i liguri, che perdono Crimi per un doppio giallo.

Gli uomini di Toscano ne approfittano e al 23’ sfiorano nuovamente il 2-0 con un calcio di punizione di Denis che termina di poco a lato. Gli ospiti sembrano in pieno controllo del match, forti anche della superiorità numerica, e addormentano sapientemente il match.

Tedino stravolge il volto dell’Entella con gli ingressi di Koutsoupias e Petrovic al posto di Morosini e Brescianini, ma non c’è storia: la Reggina continua a macinare gioco nella metà campo avversaria, ma la retroguardia biancazzurra tiene botta. Al minuto 86, Mastour serve Folorunsho che calcia addosso a Borra sprecando una buona occasione.

La Virtus Entella cerca di evitare la seconda sconfitta consecutiva casalinga con la forza dei nervi e viene ripagata al 90’ con la rete del pari: l’arbitro ravvisa un intervento scorretto di Rossi su Mancosu e comanda il penalty, realizzato poi dallo stesso numero 32 biancazzurro.

Doccia fredda per gli ospiti, che tentano di raddrizzare immediatamente il match. L’occasione capita al minuto 93, con un tap-in di Marco Rossi che però è troppo defilato per centrare la porta. Nulla di fatto, la Reggina deve accontentarsi obtorto collo del pari.

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Il “sistema” Polistena: l’impresa in difficoltà si sovraindebitava, fra intimidazioni e riciclaggio

mario meliadò

Reggio, la ‘ndrangheta gestiva anche il cimitero: i nomi dei 10 arrestati

Matteo Brancati

DailyMail su Gratteri: “Il procuratore brizzolato sfida la più potente organizzazione criminale italiana”

Giovanni Bevacqua
Click to Hide Advanced Floating Content