Calabria7

Serie B, il Cosenza riparte a caccia del miracolo salvezza

di Antonio Battaglia – Dimenticare tutto e ripartire da zero, con la speranza di avere il placet della dea Fortuna. Missione disperata per il Cosenza, che domani tornerà in campo dopo una lunga pausa che assume i chiari contorni di una manna dal cielo.

Già, perché la squadra “ammirata” fino a marzo avrebbe avuto pochissime chance di mantenere l’immenso. patrimonio della Serie B. Forte distonia, scarsa consapevolezza e mancanza di organizzazione: questi in linea di massima i tratti che hanno contraddistinto i Guarascio boys agli occhi dell’intera caletteria.

I motivi, quelli son chiari anche alla schiera di tifosi filosocietari che tanto avevano creduto in una gestione societaria pressappochista e votata all’improvvisazione. A tal proposito, ricordiamo qui le parole del mister Braglia (altro colpevole del fallimento rossoblu) nel post-gara dell’amichevole contro il Monopoli: “Così non possiamo andare avanti, mi fido di Guarascio e Trinchera però manca ancora tanta gente. Se dovessi giudicare in base a quello che ho visto oggi, direi che siamo in mezzo ad una strada”. Abbastanza eloquente, il buon Pierino.

Ma veniamo a noi. Si ritorna in campo, finalmente. E proprio in quel “Marulla” ampiamente assediato per tutto il corso del campionato, come dimostra la miseria media punti casalinga di 0,77 (la peggiore di tutto il campionato). L’obiettivo è scontato: provare ad invertire da subito la tendenza, visto il calendario che sottoporrà i Lupi a decisivi scontri diretti (molti dei quali, per di più, tra le mura casalinghe).

I presupposti per una possibile impresa ci sono tutti. In primis, l’azzeramento totale delle gerarchie, ma grande rilievo avrà senza alcun dubbio il meticoloso lavoro che Roberto Occhiuzzi sta svolgendo da diverse settimane al servizio della squadra (ufficiale solo oggi la sua nomina ad allenatore). Il Cosenza potrà contare su un vero “lupo” in panchina, da sempre legato ai colori rossoblu e pronto a dare l’anima per raggiungere un obiettivo che sulla carta appare davvero complicato.

Ma tant’è, vale la pena di lottare. Domani, alle ore 18, avrà inizio la sfida contro una Virtus Entella a metà del guado tra playoff e playout. La squadra ligure, che ha recuperato elementi importanti quali Chiosa, Borra e  De Col, non eccelle fuori dalle mura amiche, ma sbarcherà in riva al Crati con il chiaro intento di provare l’aggancio al decimo posto. Il Cosenza, dal canto suo, non dovrà lasciare nulla di intentato: lo impone una tifoseria che vuole tornare a gioire, lo impone ancor di più una classifica già parecchio complicata dai nove punti di distanza dalla zona salvezza.

Andiamo alle probabili formazioni. Occhiuzzi, che per l’occasione non avrà a disposizione Pierini e Lazaar, schiererà la squadra con il nuovo modulo 3-4-3. Davanti a Perina, agirà il trio difensivo composto da Schiavi, Idda e Legittimo. A centrocampo, la coppia centrale Sciaudone-Broh verrà assistita ai lati da Casasola e Bittante, mentre in avanti spazio al tridente Carretta-Riviere-Machach.

Redazione Calabria 7

 

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Doppio incidente stradale, gravi due donne

Francesco Cangemi

Coronavirus, bevuta collettiva in bar del capoluogo: sfida irresponsabile o “voglia di vivere” comunque?

Danilo Colacino

Il Coronavirus non uccide le passioni. L’Asd Master Nuoto si allena al mare (VIDEO)

Damiana Riverso
Click to Hide Advanced Floating Content