Calabria7

Serie B, il Crotone sbatte sul muro del Perugia: solo 0-0 al “Curi”

di Antonio Battaglia – Il campionato corre, le dirette concorrenti (Spezia e Cittadella vincenti) pure, ma il Crotone è costretto a fermarsi ancora. Questa volta nello scenario del “Curi” di Perugia, dopo un match giocato quasi a senso unico.

0-0 il risultato finale, deciso da una prestazione stoica di un Perugia chiamato a sopperire per quasi tutto il match all’assenza di Di Chiara (espulso intorno alla prima mezz’ora di gioco). Un’altra ghiotta chance sprecata da un Crotone che sembra aver perso lo smalto dei giorni migliori. E, per tornare all’incipit, ora il secondo posto non è più così saldo.

PRIMO TEMPO

Nei primi minuti del match è un propositivo Crotone a farsi notare per la fluidità di manovra, a fronte di un Perugia pressoché sfilacciato. Il primo vero squillo del match avviene al 10’, sponda Squali: sugli sviluppi di un angolo, Armenteros anticipa il marcatore con un colpo di testa che, complice una deviazione, finisce alto sopra la traversa.

Il match prosegue sui binari rossoblu con un insistente possesso palla e al 17’ arriva una ghiotta chance per Messias, che raccoglie un traversone di Molina dal vertice di sinistra con un colpo di testa che finisce pochi centimetri all’esterno della porta.

Il match non regala particolari sussulti, con gli Squali che gestiscono il possesso palla senza tuttavia risultare pericolosi. Decisiva, in tal senso, la clamorosa espulsione diretta di Di Chiara al minuto 26, che stimola gli umbri a chiudersi senza concedere spazi. Brivido per la difesa ospite al 42’, quando Iemmello, lasciato libero dalla difesa, impegna Cordaz con una fulminea conclusione  terra-aria. 

SECONDO TEMPO

Ad inizio ripresa sembra ripetersi lo stesso copione della prima frazione. Al 53′ primo squillo degli Squali: lancio millimetrico di Benali a centro area, sul pallone si avventa Mustacchio che di testa stampa il pallone sulla traversa. Il match si svolge a senso unico, con il Crotone che si fionda quasi interamente nella metà campo avversaria senza tuttavia riuscire a sfondare il muro eretto dai Cosmi boys.

Al 79′ è Fulignati a salvare i suoi con un intervento provvidenziale su una conclusione di Crociata, che qualche minuto prima si era reso protagonista di un’altra potenziale occasione da gol. Il Perugia, tuttavia, è poco propenso a cedere e nei minuti finali rischia di fare il colpaccio: all’82’, Bonaiuto sfrutta una bella ripartenza dei suoi e fa partire un ottimo tiro a giro che impegna sensibilmente Cordaz, mentre tre minuti dopo è Sgarbi a sprecare una buona occasione per il vantaggio.

Ultimo sussulto del match all’87’, con una punizione precisa di Maxi Lopez che costringe Fulignati ad un altro intervento felino. Al fischio finale si scorge tutta l’amarezza degli uomini di Stroppa, coscienti di aver sprecato fatalmente un’altra chance per consolidare la seconda posizione.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Catanzaro, a Potenza servirà gettare il cuore oltre l’ostacolo

Antonio Battaglia

Cosenza, il cuore oltre l’ostacolo: contro il Chievo serve la vittoria

Antonio Battaglia

Serie A, il Crotone resta a zero punti: con il Sassuolo la terza sconfitta consecutiva

Antonio Battaglia
Click to Hide Advanced Floating Content