Calabria7

Serie B, la Reggina ritrova finalmente il sorriso: vittoria scacciacrisi contro il Brescia

reggina-brescia

di Antonio Battaglia – Emozioni al “Granillo”. Vittoria scacciacrisi doveva essere e così è stato per la Reggina, che ritorna al successo dopo ben due mesi di astinenza. 2-1 il risultato finale del match contro il più quotato Brescia, sprecone nel primo tempo e incapace poi di ristabilire le distanze. Gli amaranto, reduci da una settimana di ritiro, volevano la vittoria a tutti i costi e con sofferenza, rischiando quasi solo nella prima frazione, sono riusciti a ritrovare un prezioso sorriso. Prezioso sì, perché possibile preludio di una svolta definitiva in campionato.

Formazioni e scelte tattiche

3-4-1-1 per i padroni di casa. Davanti a Plizzari, spazio alla difesa a tre composta da Delprato, Cionek e Stavropoulos (debutto dal 1’ per lui). In mediana confermato De Rose con Bianchi e il rientrante Crisetig sui fianchi. Sulle corsie esterne Situm e Di Chiara, mentre in avanti Bellomo supporta Denis.

Rispondono gli ospiti con il 4-3-1-2. A supporto di Joronen, Lopez schiera una difesa a quattro con la coppia centrale Chancellor-Mateju assistita ai lati da Martella e Sabelli. In mezzo al campo Van de Looi viene affiancato da Dessena e Jagiello, mentre in avanti Zmrhal agisce in qualità di rifinitore alle spalle del tandem Ragusa-Torregrossa.

Primo tempo

La gara si fa subito “maschia” e l’arbitro estrae due cartellini gialli nell’arco di tre minuti. Il Brescia ha qualcosa in più dei padroni di casa e lo dimostra al 4’, quando Zmrhal si presenta quasi davanti a Plizzari e obbliga la difesa avversaria alla chiusura tempestiva. Le Rondinelle rilanciano al quarto d’ora con una conclusione dalla distanza di Van de Looi che sfiora il palo. La prima chance per i padroni di casa arriva tre minuti dopo, quando Bellomo prova una conclusione dalla distanza che non centra però lo specchio della porta.

Il Brescia è nettamente più determinato alla ricerca del gol e manda spesso in difficoltà la retroguardia avversaria. Al 21’ Torregrossa si presenta in area e prova il suggerimento in mezzo, a Cionek salva provvidenzialmente. Due minuti dopo, ancora chance sull’asse Torregrossa-Ragusa: il primo imbecca in profondità il secondo, che calcia con il destro mandando di poco alto sopra la traversa. Il Brescia alza i giri del motore e al 28’ sfiora sensibilmente il vantaggio: il solito Torregrossa serve in area Ragusa, che a tu per tu con lo specchio colpisce l’incrocio dei pali.

Gli uomini di Toscano provano ad affacciarsi con più convinzione nella metà campo avversaria, ma l’unica occasione capita al 33’ sui piedi di Denis, che raccoglie un suggerimento dall’out sinistro e calcia a giro non riuscendo però a punire Joronen.

Secondo tempo

Avvio di ripresa in discesa per gli amaranto, che al 50’ passano in vantaggio: Bellomo riceve da Situm e mette un pallone in mezzo per Crisetig, che colpisce di testa battendo Joronen che non riesce a respingere con efficacia. La Reggina acquista piena fiducia e, dopo cinque minuti, raddoppia con un calcio di punizione dal limite perfettamente realizzato dal Tanque Denis.

Il Brescia però rimane in partita e accorcia immediatamente le distanze: il solito grande Torregrossa serve Ragusa, che tutto solo in area fredda Plizzari da posizione defilata. Le Rondinelle alzano il baricentro e sfiorano il pari al 64’: traversone dalla sinistra di Martella, Plizzari combina un mezzo pasticcio e serve Dessena, che non centra lo specchio da ottima posizione. La squadra di Lopez si rende protagonista di un autentico monologo nella metà campo amaranto e nel finale passa addirittura al 4-2-4, ma la Reggina stringe i denti (sfiora anche il gol con Rivas e Lafferty) e ritorna al successo dopo due mesi. 

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Reggio, dibattito FdI: “Quali prospettive per la provincia?”

Andrea Marino

Reggio, mamma denuncia “L’Asp non assicura terapie a mio figlio autistico”

Matteo Brancati

Bocce, San Paolo Cosenza retrocessa dalla A2

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content