Calabria7

Serie B, un Cosenza abulico viene asfaltato anche dal Pisa: è crisi nerissima

pisa-cosenza

di Antonio Battaglia – Vada per il maggior tasso tecnico degli avversari, ma quest’oggi era vietato offrire una prestazione del genere. Abulica, superficiale, colma di rassegnazione. Il Cosenza perde anche a Pisa e complica sempre di più la sua classifica, salutando ormai definitivamente i sogni di salvezza diretta. 3-0 il risultato finale di un match senza storia, quasi sempre ad appannaggio dei nerazzurri bravi a scardinare con nonchalance il muro rossoblù. E’ la terza sconfitta consecutiva per la squadra di Occhiuzzi, che sembra ormai quasi incapace di risollevarsi dalle proprie ceneri.

Primo tempo

Il Pisa parte bene e dopo pochi secondi Mazzitelli calcia di potenza senza inquadrare lo specchio. Le due squadre si fronteggiano in una intensa fase di studio, con i Lupi che provano a spezzare il gioco avversario per poi ripartire in contropiede. Al minuto 11 sono ancora i padroni di casa a sfiorare la rete: Vido entra in area dalla sinistra e mette al centro per Palombi che prova la deviazione col tacco, con il pallone che termina di poco largo.

La reazione rossoblù arriva quattro minuti dopo: calcio di punizione di Corsi e colpo di testa di Sacko, che Gori devia sulla traversa. Sul capovolgimento di fronte, poi, il Pisa va vicino al gol con Vido che calcia di poco alto sopra la traversa. Il match si assesta su ritmi equilibrati con le due squadre che provano ad affrontarsi senza troppi tatticismi, ma i ragazzi di Taddei costringono il Cosenza a ripartire dalle retrovie. Al 28’, la ghiotta occasione per il vantaggio nerazzurro: Vido imbuca in area per Palombi, che libera il destro in diagonale ma non riesce a inquadrare la porta da ottima posizione. Il Pisa chiude la prima frazione in attacco, ma al 41’ trema su un colpo di testa di Tiritiello che termina di poco a lato.

Secondo tempo

Avvio di ripresa un po’ confuso, con le squadre che faticano a prendere in mano le redini del gioco. Al 50’, però, il Pisa sblocca la partita: Gucher vince un rimpallo con Tiritiello ed entra in area di rigore, mette a sedere Schiavi con una finta e insacca da posizione ravvicinata.Taddei manda in campo Marconi, Sibilli e Beli, mentre Occhiuzzi passa al 4-2-3-1 con l’ingresso di Tremolada al posto di Schiavi. 

I Lupi non riescono a incidere e al minuto 73 arriva il raddoppio nerazzurro con uno splendido destro a giro di Mazzitelli su punizione dal limite. Occhiuzzi cerca disperatamente di correre ai ripari e inserisce Trotta, Kone e Sueva, ma il Pisa resta ben disposto in campo e chiude bene tutti gli spazi. All’86’ il definitivo colpo di grazia per i silani: Marin triangola con Siega e si presenta in area di rigore, freddando Falcone con un destro sul secondo palo.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Sfrecciano sui monopattini e colpiscono alle spalle, allarme a Cosenza

Damiana Riverso

Granato: “Il Pugliese-Ciaccio avrebbe vaccinato neo pensionati dell’azienda stessa non ancora 70enni”

bruno mirante

Calciomercato Crotone, si studia un colpo in attacco: piace Iemmello

Antonio Battaglia
Click to Hide Advanced Floating Content