Calabria7

Serie B, un Cosenza superbo espugna Ascoli e scaccia le polemiche

ascoli-cosenza

di Antonio Battaglia – Una prestazione quadrata, superba, perfetta. Il Cosenza risorge dalle ceneri della brutta sconfitta interna contro la Reggiana e rifila tre reti all’Ascoli (0-3 il risultato finale) in uno scontro diretto clou per uscire dalla zona playout. Difesa ineccepibile, centrocampo concreto e attacco (finalmente) cinico: i Lupi interpretano bene il match sin dall’inizio e non incontrano mai difficoltà nel contenere un Ascoli orgoglioso ma parecchio fumoso. Tre punti d’oro per morale e classifica, che consentono alla squadra di Occhiuzzi di guardare alle prossime delicate con rinnovato ottimismo.

Primo tempo

Occhiuzzi sorprende tutti e schiera Sueva dal primo minuto. A fargli compagnia in attacco Baez e Sueva, mentre Sciaudone e Petrucci si muovono in mezzo al campo con Bittante e Vera sugli esterni. A difesa di Falcone confermato il terzetto Tiritiello-Idda-Legittimo. Nelle fasi iniziali le due squadre si affrontano in una intensa fase di studio, ma è il Cosenza a provarci con più determinazione. Il primo squillo arriva al minuto 7, con un colpo di testa da parte di Gliozzi che termina sul fondo. I Lupi aumentano i giri del motore e al minuto 11 Sciaudone prova una conclusione dalla distanza che termina di poco alta. 

La pressione del Cosenza è altissima e disturba in maniera decisiva le iniziative degli avversari. Al 15’ i Lupi sfiorano sensibilmente il vantaggio: Sueva entra in area e mette al centro per Baez, che anticipa bene Pucino ma a tu per tu con Leali conclude direttamente sulla traversa. Il Cosenza gestisce i ritmi del gioco senza affondare e favorisce la reazione bianconera. Al 23’ Falcone respinge una punizione battuta da Sabiri ma sul pallone si avventa Cavion che calcia sopra la traversa da ottima posizione. 

I minuti finali della prima frazione sono di chiara marca rossoblù. Al 37’ Sciaudone raccoglie un cross direttamente dalla bandierina di Baez e in girata colpisce di testa chiamando Leali all’intervento felino. La squadra di Occhiuzzi rimane in avanti e nel minuto di recupero passa in vantaggio: cross rasoterra di Vera dall’out mancino, Brosco devia a centro area ma sul pallone si avventa Baez che fredda Leali con un preciso piatto destro.

Secondo tempo

In avvio di ripresa va in scena lo stesso copione della prima frazione. I Lupi iniziano subito con aggressività e dopo tre minuti raddoppiano le distanze: suggerimento di Sueva secondo palo all’indirizzo di Gliozzi, che tutto solo deposita in rete da distanza ravvicinata. 

I bianconeri provano a gestire il possesso del pallone e affondare, ma vanno incontro a parecchie difficoltà di fronte all’ineccepibile meccanismo difensivo degli ospiti. Al 52’ i Lupi sfiorano addirittura il 3-0 con un cross di Bittante che per poco non trova pronto alla deviazione Gliozzi anticipato provvidenzialmente da Pucino. Al 65’ è Baez a sparare una bella conclusione dalla distanza che obbliga Leali alla respinta. 

L’Ascoli prova a fare il match e al 71’ rischia di accorciare le distanze: lancio di Sini sul secondo palo, colpo di testa di Cavion che supera Falcone ma è  miracoloso l’intervento di Tiritiello che salva sulla linea. La reazione dei rossoblù silani è immediata: Baez viene imbeccato in profondità e a tu per tu si fa ipnotizzare da Leali, sulla respinta si avventa Gliozzi che controlla ma spara incredibilmente alto sopra la traversa. 

E’ solo il preludio del gol, che arriva al minuto 79: cross di Baez sul secondo palo, taglio di Bittante che sorprende la difesa avversaria e di testa schiaccia in rete. Nel finale Occhiuzzi dà spazio a Kone, Bruccini e Bouah ma la sua squadra gestisce senza patemi il netto risultato contro una diretta concorrente. Per dovere di cronaca, si segnala solo il cartellino rosso comminato nel terzo minuto di recupero a Lico per una pallonata a Sciaudone. 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Cosenza, Pd: “Santelli non all’altezza di questa emergenza”

Andrea Marino

Emergenza Covid, Spirlì: “56 posti in terapia intensiva e possibile chiusura scuole”

Giovanni Bevacqua

Sequestrata dalla Polizia di Stato coltivazione di marijuana

Giovanni Caglioti
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content