Calabria7

Serie C, esordio amaro per il Catanzaro. Sorride la Vibonese

Serie c

di Antonio Battaglia – La Vibonese ha iniziato la sua nuova stagione di Serie C esattamente come aveva finito la scorsa: sorprendendo. Impegnati in trasferta contro la Cavese, i rossoblù sono stati protagonisti di una buona prova tenendo testa per tutti i novanta minuti alla più quotata formazione allenata dall’ex ModicaAngelino Galfano, che alla vigilia aveva chiesto ai suoi umiltà e concretezza, ha sicuramente ricevuto le risposte che cercava nel gioco e nel risultato, maturato grazie alla rete del millennial Mattei. 

Alla (legittima) sofferenza iniziale, l’undici ipponico ha acquisito progressivamente fiducia prendendo le misure degli avversari e macinando al contempo pericolose scorribande offensive. Dunque la meritata rete del vantaggio e la capacità di soffrire stoicamente per congelare la preziosa vittoria. Prima prova superata ampiamente per la Vibonese, che sarà chiamata a ripetersi domenica contro la temibilissima Juve Stabia. 

Le novità dal calciomercato

Intanto, il nuovo ds rossoblù Luigi Condò lavora su più fronti per rinforzare l’organico a disposizione di Galfano. La priorità resta un portiere under e, in tal senso, sarebbe stato sondato Roberto Taliento: il calciatore classe ’99, di proprietà dell’Atalanta, vanta circa trenta presenze in Serie C tra le file di Giana Erminio e Sudtirol. Per quanto riguarda la difesa, come già anticipato in esclusiva da Calabria 7, il nome forte resta Francesco Karkalis rimasto svincolato dopo l’esperienza a Bisceglie. 

Sarebbe del tutto sfumata la possibilità di portare Statella al “Razza”, mentre resta in fase di stallo la trattativa per la cessione di Michele Emmausso: se dovesse partire, gli ipponici virerebbero su Francesco Vivacqua, ala destra reduce da quattro stagioni al Rende e svincolatosi di recente dal Picerno per le note vicende giudiziarie.

Prima sconfitta per le Aquile

Comincia male, invece, il campionato del Catanzaro di Calabro, costretto a fare i conti con l’emergenza in attacco. Il Potenza sta meglio sotto tutti i punti di vista, fisico e tattico, e travolge i giallorossi che raramente hanno dimostrato di poter pienamente competere nella contesa.

La squadra ha segnato una decisa involuzione di gioco rispetto a quanto visto qualche giorno fa nella gara di Coppa Italia, pertanto ci sarà parecchio da lavorare. Al momento manca una chiara identità di gioco, la manovra è macchinosa e imprecisa e l’attacco si è rivelato pressoché sterile per via della sopracitata assenza di pedine.

Ci sarà modo e tempo di rialzare la testa, la maratona è appena cominciata e alla squadra di Calabro serve tempo per potersi conoscere meglio e sfruttare le proprie potenzialità. Pertanto non si può parlare subito di situazioni drammatiche. Servirà innanzitutto recuperare nell’immediato energie in vista dell’importante gara di Coppa Italia in programma mercoledì contro il Chievo, in attesa degli ultimi necessari rinforzi dal mercato. 

Davis Curiale è stato già ufficializzato dalla società di via Gioacchino da Fiore, mentre per Garufo si aspetta solo l’annuncio: il terzino destro arriverà in prestito secco dalla Reggina. In difesa occhi puntati su Alessandro Malomo e Davide Riccardi, mentre potrebbe prendere corpo la trattativa per portare il mediano Baldassin in cima ai Tre Colli.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Scambio dati fra enti previdenziali europei, operativo il Sistema EESSI

Matteo Brancati

Catanzaro, rinvio Tosap ed estensione spazi all’aperto per ristorazioni: le ultime novità

Mirko

Primo maggio, a Taverna presente Eleonora Forenza

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content