Serie C, un buon Catanzaro conquista i primi tre punti: contro la Paganese decide Verna

catanzaro-paganese

di Antonio Battaglia – Con fatica ma grande determinazione il Catanzaro conquista la prima vittoria in campionato. Finisce 1-0 il match contro una Paganese rognosa e arrivata al “Ceravolo” con il chiaro intento di portare a casa il pari. Giallorossi nel complesso più pimpanti e meritevoli del prezioso successo, arrivato peraltro in una gara molto insidiosa, ma altresì consapevoli delle numerose correzioni da apportare in vista dell’imminente derby contro la Vibonese. Generano perplessità, in alcuni frangenti, la staticità del reparto arretrato e la mancanza di cinismo in fase offensiva. Alla squadra di Calabro serve ancora tempo per potersi conoscere meglio e sfruttare le proprie potenzialità, ma i primi segnali possono definirsi pressoché incoraggianti.

Formazioni e scelte tattiche

Formazioni e scelte tattiche

Classico 3-5-2 per il Catanzaro. Davanti a Branduani, difesa a tre composta da Fazio, Martinelli e Pinna. Garufo e Contessa assistono ai lati la mediana composta da Corapi, Verna e Baldassin, mentre in attacco spazio al tandem Carlini-Curiale.

Risponde la Paganese con un modulo a specchio. Erra lancia Fasan tra i pali titolare: davanti a lui agiscono Sbampato, Schiavino e Sirignano. A centrocampo Bonavolontà viene supportato da Onescu e Benedetti, con Mattia e Squillace ai lati. In attacco, infine, spazio a Guadagni e Cesaretti.

Primo tempo

La linea bassa della Paganese non consente ai giallorossi di trovare grossi varchi in avanti. Il match scorre senza particolari sussulti fino al 17’, quando a rendersi pericolosa è la squadra di Erra: punizione dalla trequarti di Benedetti, sponda di Schiavino per Cesaretti che colpisce sull’esterno della rete. A due passi dalla porta. 

Risponde il Catanzaro un minuto dopo con un cross teso di Curiale che attraversa tutto lo specchio senza essere intercettato da alcun giocatore giallorosso. Con il passare dei minuti, gli ospiti guadagnano metri e si affacciano dalle parti di Branduani con atteggiamento sempre più propositivo: al 37’, altra chance con una conclusione di Benedetti che termina di poco alta sopra la traversa.

Nei minuti finali, il Catanzaro cresce in intensità e comincia a creare brividi dalle parti di Fasan. Al 39’, Curiale approfitta dello svarione difensivo di Sbampato e si invola a tu per tu col portiere avversario, bravo a respingere la conclusione con i piedi. Due minuti dopo, lo stesso numero 7 giallorosso raccoglie un cross di Corapi e colpisce di testa scheggiando il palo.

Secondo tempo

Nella ripresa è il Catanzaro a spingere con convinzione alla ricerca del vantaggio. I campani sono costretti ad arretrare nella propria metà campo quasi incapaci di reagire di fronte alla determinazione dei già quotati avversari.

Al 52’ clamorosa occasione per i ragazzi di Calabro: sugli sviluppi di un calcio d’angolo, il pallone passa davanti a Baldassin e Carlini senza che nessuno dei due riesca a deviare in rete. Al minuto 53 i primi cambi: il Catanzaro inserisce Di Massimo al posto di Baldassin per rinforzare il reparto offensivo, rispondono gli ospiti con Carotenuto al posto di Di Mattia. 

Le Aquile continuano a spingere e al 57’ spezzano l’equilibrio dominante con il fatidico vantaggio: Curiale riceve il pallone spalle alla porta, a rimorchio arriva Verna che viene servito sulla corsa e con freddezza insacca alle spalle di Fasan. E’ solo l’inizio di un lungo monologo dei giallorossi. Al minuto 72 è Garufo a rendersi pericoloso con un tiro-cross dal versante destro, mentre dieci minuti dopo Corapi si rende protagonista di un calcio di punizione che obbliga Fasan all’intervento in tuffo. 

Finale di gara concitato, con le due squadre che continuano ad affrontarsi a viso aperto. All’87’ Onescu raccoglie un traversone dalla sinistra di Squillace e tutto solo davanti a Branduani manda sopra la traversa. La Paganese continua a spingere, ma al 94’ è il Catanzaro a divorarsi il vantaggio: Di Massimo sfrutta una dormita difensiva e si invola a tu per tu con Fasan, bravo a respingere la conclusione. Due minuti dopo, quasi a tempo scaduto, Mendicino lascia partire in girata un tiro-cross respinto sulla linea di porta. E’ l’ultima occasione di un match che il Catanzaro conquista con merito e caparbietà, eccezion fatta per qualche rischio di troppo nel finale.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Migliaia di persone in piazza con l'obiettivo è di bloccare il progetto fortemente sponsorizzato dalla Lega e dal governo di centrodestra
Mamma di una bambina, racconta di essere stata licenziata nel 2022 per "riduzione del personale". Il tribunale le ha dato ragione, ma i soldi non sono ancora arrivati
I consiglieri comunali d Giuseppe Dell'Aquila e Antonio Pace chiedono al sindaco Sergio Ferrari di precisare aspetti fondamentali
Il sindaco Pellegrino: "Un atto gravissimo che colpisce un professionista e un amministratore integerrimo"
Inutili i soccorsi dell’equipe sanitaria, intervenuta con l'elisoccorso. Sulla vicenda indagano i carabinieri. Il cane è stato sequestrato
"Non ha trovato la forza né il coraggio di spiegare che produrrà un divario enorme tra Nord e Sud, a livello economico, di servizi e diritti"
Presente anche una folta delegazione di abitanti di Punta Faro in Sicilia e Cannitello a Villa San Giovanni, le aree che saranno espropriate
Progetto “Squadra Mobile”. Operazione di contrasto al fenomeno dell’illecito stoccaggio e smaltimento di rifiuti
l'inviato
L’ex sito industriale sepolto dalle erbacce e a rischio igienico- sanitario. Promessi mega progetti per rilanciare l’area diventata simbolo della decadenza del territorio
La presidente Nunzia Paese, nominerà l’avvocato nella Cabina di regia regionale con l’obiettivo di dare forza al programma del partito
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved