Calabria7

Servono test antidroga ai politici, anche ai consiglieri regionali

test antidroga ai politici

Il capogruppo M5S del consiglio regionale della VdA afferma: “Chi consuma sostanze stupefacenti è ricattabile, servono periodici controlli antidroga”

Siccome “chi consuma sostanze stupefacenti è sempre ricattabile da parte del suo fornitore e il fornitore mondiale della coca è la ‘ndrangheta” per contrastare l’infiltrazione della criminalità organizzata servono “periodici controlli antidroga” anche ai consiglieri regionali. E’ la proposta choc di Luigi Vesan, capogruppo del Movimento 5 stelle nel Consiglio regionale della Valle d’Aosta, dopo la tempesta giudiziaria che si è abbattuta a fine dicembre sulla Regione autonoma che ha portato alle dimissioni del presidente della Regione, Antonio Fosson, degli assessori Stefano Borrello e Laurent Viérin e del consigliere Luca Bianchi, indagati nell’ambito di un’inchiesta sul condizionamento delle elezioni regionali del 2018 da parte della ‘ndrangheta. Vesan, in un post sul profilo Facebook del M5s regionale, propone anche l’introduzione della preferenza unica nelle elezioni comunali, “un controllo serrato su chi si porta il telefonino in cabina”.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Coronavirus, Roche cede gratis il farmaco per l’artrite

Matteo Brancati

I giovani e la mascherina, Conte chiede aiuto ai Ferragnez

Damiana Riverso

Crisi di Governo, Conte domani al Quirinale per le dimissioni

Damiana Riverso
Click to Hide Advanced Floating Content