Sesso e ‘ndrangheta, la Dda di Catanzaro chiede la condanna per un prete vibonese (NOMI)

Tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso è l'accusa contestatagli. Chiesta l'assoluzione per un altro sacerdote coinvolto nell'inchiesta
don graziano Vibo

di Gabriella Passariello-  Ha chiesto una condanna e un’assoluzione la Dda di Catanzaro di due preti vibonesi, già rinviati a giudizio ad aprile dello scorso anno, accusati di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso. In particolare il magistrato Irene Crea ha invocato, davanti ai giudici del Tribunale collegiale di Vibo 7 anni e sei mesi di reclusione nei confronti di don Graziano Maccarone, 44 anni segretario particolare dell’ex vescovo monsignor Luigi Renzo, mentre ha chiesto l’assoluzione per don Nicola De Luca, 41 anni, reggente della Chiesa Madonna del Rosario di Tropea.

Le minacce e le richieste estorsive

Le minacce e le richieste estorsive

Si cono costituiti parte civile nel processo Roberto Mazzocca e le due figlie, Francesca e Danila, rappresentati dagli avvocati Michele Gigliotti e Daniela Scarfone. Secondo quanto emerso dalle indagini condotte sul campo dalla Squadra Mobile di Vibo, Roberto Mazzocca si sarebbe rivolto ai due sacerdoti perché lo aiutassero economicamente per evitare l’espropriazione dei beni pignorati alla figlia a causa di un debito contratto con una terza persona. I due preti, in concorso tra di loro, secondo le originarie ipotesi della Dda e con più condotte reiterate in tempi diversi mediante violenza e minaccia, avrebbero agito con l’intento di recuperare circa 9mila euro per compensare il debito contratto da padre e figlia. I fatti contestati si riferiscono ad un arco temporale che oscilla tra la il 2012 e i primi mesi del 2013.

I messaggi a sfondo sessuale

Nel bel mezzo di questa vicenda si inseriscono anche una serie di messaggi a sfondo sessuale che Maccarone avrebbe inviato alla figlia maggiorenne del loro debitore, tra l’altro invalida al 100% per una disabilità. Gli investigatori avrebbero accertato oltre tremila contatti telefonici tra i due con don Graziano che si sarebbe fatto inviare non solo foto compromettenti ma anche indumenti intimi della ragazza. Maccarone avrebbe evocato anche l’intervento del clan Mancuso di Limbadi in caso di mancata restituzione del denaro. Oggi in aula è stato sentito don Giuseppe Fiorillo, confermando che le 1500 euro sarebbero state date direttamente a don Graziano Maccarone.

LEGGI ANCHE | Preti a processo a Vibo per tentata estorsione, la parte civile: “Il vescovo paghi i danni”

LEGGI ANCHE | Minacce mafiose e messaggi a sfondo sessuale, a processo due sacerdoti vibonesi

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Saranno analizzate le modalità di intervento da approntare in Calabria per l'eccezionale incremento dei flussi migratori in ingresso
Vox Populi
"Se le istituzioni fossero meno rigide sicuramente potremmo lavorare meglio. Siamo positivi, guardiamo alla nuova stagione con ottimismo"
Sono 630 i soggetti attualmente positivi al Covid in Calabria, 77 le persone ricoverate. Incidenza di esiti positivi al 5,50%
Pronuncia di rigetto per Valeria Fedele. Inammissibile l’istanza di sospensiva della sentenza che ha dichiarato la sua ineleggibilità
Il rettore Nicola Leone ha innalzato il tetto modificando lo Statuto e portando al 6% l’incidenza dei voti dei rappresentanti degli studenti
Il festival cinematografico dedicato ai cortometraggi è arrivato alla quinta edizione e si è aperto con la sessione dedicata alle scuole
Il lapsus di Domenico Bevacqua nel suo intervento in Consiglio regionale: l'assessore Minenna diventa "Mennenna" e Toti si trasforma in Totti
Sul podio con la stessa percentuale di consensi il presidente della Regione Emilia-Romagna Bonaccini e quello del Friuli Venezia Giulia Fedriga
Il CdM ha approvato il decreto legge che permetterà di chiudere i bilanci delle Aziende sanitarie e ospedaliere del 2022
“Ci siamo mancati?” si è chiesto e ha chiesto il cantautore milanese ai tantissimi arrivati da ogni parte della Calabria e anche dalla vicina Sicilia
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved