Sesso tra la docente e l’alunna: “Poi la prof mi chiese di cancellare le chat”

Dai verbali non emergono violenze o costrizioni, ma per il gip "basta il rapporto di affidamento" tra insegnante e allieva "per neutralizzare l'efficacia del consenso"

A Pescara una professoressa 55enne che insegna in un istituto superiore è stata interdetta per un anno dall’insegnamento con l’accusa di atti sessuali con una studentessa 14enne. A denunciare la situazione è stata la psicologa alla quale la ragazzina si era rivolta. Dai verbali agli atti dell’inchiesta, non emergono comunque costrizioni: la 14enne racconta come è nata e come si è sviluppata la relazione, ma specifica sempre di essere stata consenziente. Per il gip, però “il rapporto di affidamento tra precettore e allieva vale a neutralizzare l’efficacia del consenso della minore”. E soprattutto, all’attenzione degli inquirenti c’è un episodio nel quale la prof chiede all’allieva-amante di cancellare le loro chat per “tenermi al sicuro”.

“Ero come una figlia”

“Ero come una figlia”

 Secondo quanto riporta il Messaggero, nei verbali la 14enne racconta che “la professoressa mi piaceva tanto come persona, ma nel senso che la vedevo come punto di riferimento. Nel senso di amicizia, non era mia intenzione fare altro insomma”. La docente, però, continuava a tenere con lei “atteggiamenti un po’ particolari” come chiamarla “piccola, amore, tesoro”. La ragazzina dice di aver pensato che “evidentemente per lei ero come una figlia e ci sta che una mamma ti chiami così”.

La storia si fa torbida

 Poi, però, la prof ha iniziato a cambiare tono, dicendole “sei bona”. E lei racconta che “pensavo che fosse per ridere. E pure io glielo dicevo, anche perché lei è davvero una bella donna“. E nonostante l’allieva non fosse esattamente a proprio agio, “ovviamente io mica potevo andarle a chiedere: ‘Ma tu mica ci stai provando con me?’, perché è veramente imbarazzante come cosa“.

Il sesso a casa della prof

 E così, secondo quanto emerge dai verbali, tra quelle che il gip definisce “la confusione e le incertezze che tale condotte suscitavano” nella ragazzina, tra la prof e l’alunna nasce una storia. Che inizialmente è fatta di abbracci e di timidi baci, ma poi diventa torbida. Fino a quando, nell’aprile 2023, la ragazzina e l’insegnante fanno sesso a casa della prof. E la docente le scrive su WhatsApp frasi da innamorata.

La richiesta: “Cancella le chat”

 Poi, però, nel rapporto qualcosa si rompe: la 14enne inizia ad andare dalla psicologa. Ufficialmente per i problemi con lo studio, ma in realtà anche per quella relazione problematica con l’insegnante. Che la ragazzina racconta sul lettino dello studio. E quando la prof viene a saperlo, le chiede di cancellare tutte le chat nelle quali si fa cenno al loro rapporto: “Fai qualunque cosa purché mi tieni al sicuro”, le chiede. E tra liti e scenate di gelosia, quando si rivedono la 14enne la tiene a distanza: “Però le mani, per favore, tienile a posto”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Al convegno è intervenuto anche il procuratore di Reggio Calabria, Giovanni Bombardieri, che ha parlato del ruolo egemone della ‘ndrangheta nel narcotraffico
L’ipotesi più accreditata al momento è che sia stata colpita per errore dal proiettile. La donna è morta questa mattina in ospedale
Si cerca una soluzione rapida ed efficace della problematica. Al vertice in Prefettura parteciperanno Comune, Regione e Corap
La Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso del procuratore generale contro la sentenza di assoluzione emessa dalla Corte d'appello di Catanzaro
Circolare operativa agli enti proprietari delle strade finalizzata a coordinare gli interventi di messa in sicurezza e di miglioramento delle condizioni
Si trova attualmente agli arresti domiciliari ed è accusato di aver perseguitato con diverse condotte una donna conosciuta nel corso di una cena
Il prossimo sabato 25 maggio l’incontro “Con Giorgia i giovani cambiano l’Europa”. Ci saranno i candidati alle elezioni europee
La squadra in Lombardia con un volo charter. Si trasferirà in una struttura vicino a Cremona per il ritiro prepartita abituale
L'imputato secondo l'accusa, si sarebbe fatto praticare rapporti orali da una minorenne in cambio di una somma di denaro
“Tutino condottiero dall'animo nobile e punto di riferimento per i valori da trasmettere ai nostri giovani”
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved