Settimana di Ferragosto nel Vibonese, numerose sanzioni a tutela di bagnanti e ambiente

Sequestrate oltre 270 attrezzature balneari posizionate in maniera abusiva lungo le spiagge, sanzioni per imbarcazioni e acquascooter

Durante la settimana di ferragosto, caratterizzata dal bel tempo e da una notevole affluenza sulle spiagge e negli specchi acquei antistanti la “Costa degli Dei”, la Guardia Costiera di Vibo Valentia Marina ha intensificato i controlli lungo tutto il litorale di competenza, rafforzando il dispositivo operativo già messo in atto nelle scorse settimane nell’ambito dell’operazione “Mare sicuro”, finalizzata a garantire la sicurezza di bagnanti e diportisti, nonché il corretto espletamento delle attività balneari. Durante i controlli effettuati sul demanio marittimo dalle pattuglie terrestri, molteplici sono state le sanzioni comminate per inosservanza delle disposizioni contenute nella vigente Ordinanza di sicurezza balneare della Capitaneria di porto di Vibo Valentia Marina e nelle ordinanze balneari emanate dai Comuni rivieraschi.

Sanzionati titolari strutture balneari

Sanzionati titolari strutture balneari

Al riguardo, sono stati sanzionati i titolari di diverse strutture balneari site nei Comuni di Ricadi, Zambrone e Tropea che, a vario titolo, hanno violato le norme che disciplinano la sicurezza della balneazione e della navigazione. Inoltre, nell’ambito dei servizi di vigilanza demaniale posti dalla Guardia Costiera in località Bordila del Comune di Parghelia, sono stati elevati quattro verbali amministrativi per violazione delle norme che disciplinano l’uso del demanio marittimo e deferito il titolare di una struttura ricettiva alla Procura della Repubblica per occupazione abusiva di demanio marittimo. Nella nottata di venerdì, i militari della Guardia Costiera dell’Ufficio Locale Marittimo di Pizzo, congiuntamente alla Polizia Locale, hanno posto sotto sequestro oltre 270 attrezzature balneari posizionate in maniera abusiva lungo le spiagge del comune di Pizzo, in violazione delle norme che sanciscono la libera fruizione del demanio marittimo.

Sanzioni per imbarcazioni e acquascooter

Anche gli equipaggi dei mezzi navali dipendenti sono stati particolarmente impegnati, sia in attività di assistenza a diportisti in difficoltà, sia in attività di vigilanza. Nello specifico, gli equipaggi delle motovedette della Capitaneria di porto di Vibo Valentia Marina hanno sanzionato numerosi conduttori di unità da diporto ed acquascooter che, in violazione ai limiti imposti dall’ordinanza di sicurezza balneare, transitavano nelle fasce di mare riservate alla balneazione ed inflitto tre verbali amministrativi ad una società di Tropea, poiché effettuava escursioni marine lungo la “Costa degli Dei” mediante unità da diporto con a bordo più persone di quelle previste dal certificato di omologazione. Nel complesso, sono state elevate sanzioni amministrative per complessivi 8.836 Euro e restituite alla libera fruizione della collettività oltre 1000 metri quadri di spiagge. Le attività operative della Guardia Costiera proseguiranno, senza sosta, a tutela della salvaguardia della vita umana in mare, della sicurezza della navigazione e dell’ambiente marino e costiero.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Un fenomeno drammatico e particolarmente preoccupante. La Polizia fornisce i numeri per consentire l'avvio immediato delle ricerche
Si terrà venerdì 31 maggio nell’Auditorium del Campus “Salvatore Venuta”, all’Università “Magna Graecia” di Catanzaro
E' stata avvistata a poca distanza dalle coste di Briatico, l’esemplare era in evidente stato di difficoltà
Vincitore del primo premio e di tutti i premi speciali in alcuni dei più prestigiosi concorsi internazionali per pianoforte
Datisi alla fuga, i malviventi hanno effettuato dei prelievi in due distinti uffici postali di Crotone per un totale di 850 euro
Il cancro del colon-retto rappresenta in Italia la terza neoplasia negli uomini e la seconda nelle donne.
Il governatore sottolinea l'importanza delle risorse ottenute in seguito all'accordo con il Ministero dell'Ambiente
In evidente stato di shock è stata affidata ai sanitari del Suem118 e trasportata in ospedale per accertamenti
L’attività di monitoraggio è andata avanti per tutta la notte e ancora in queste ore le strutture sul territorio sono allertate e pronte ad intervenire
Al convegno è intervenuto anche il procuratore di Reggio Calabria, Giovanni Bombardieri, che ha parlato del ruolo egemone della ‘ndrangheta nel narcotraffico
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved