Si addormenta mentre allatta all’ospedale Pertini di Roma, il figlio di 3 giorni muore schiacciato

La madre avrebbe chiesto di stare vicina al figlio, un maschietto di tre giorni, e ha dunque iniziato ad allattarlo, ma poi si è addormentata
allatta figlio roma

Una tragedia si è consumata nella notte tra il 7 e l’8 gennaio all’ospedale Pertini di Roma. Un neonato, infatti, è morto dopo essere stato schiacciato dalla madre. Da quanto si apprende, quest’ultima avrebbe chiesto di stare vicina al figlio neonato, un maschietto di tre giorni, e ha dunque iniziato ad allattarlo, ma poi si è addormentata. Nessuno si è accorto che nell’addormentarsi lo ha schiacciato, e il neonato è morto tra le sue braccia.

La donna è sotto shock e la Procura di Roma vuole indagare per capire come sia stato possibile un fatto tanto grave e tanto prevedibile in un reparto del genere. L’ipotesi di reato dell’inchiesta aperta dalla Procura è quella di omicidio colposo contro ignoti. La donna è qualificata come parte offesa. Sarebbe la vittima di un comportamento omissivo o comunque scorretto dal punto di vista professionale. I magistrati – stando ai fatti riportati dal Corriere della Sera – hanno affidato l’incarico di svolgere l’autopsia sul corpo del piccolo.

La donna è sotto shock e la Procura di Roma vuole indagare per capire come sia stato possibile un fatto tanto grave e tanto prevedibile in un reparto del genere. L’ipotesi di reato dell’inchiesta aperta dalla Procura è quella di omicidio colposo contro ignoti. La donna è qualificata come parte offesa. Sarebbe la vittima di un comportamento omissivo o comunque scorretto dal punto di vista professionale. I magistrati – stando ai fatti riportati dal Corriere della Sera – hanno affidato l’incarico di svolgere l’autopsia sul corpo del piccolo.

Secondo una prima ricostruzione, nel tardo pomeriggio del 7 gennaio, la donna – 30 anni – avrebbe chiesto al personale del reparto di poter rimanere qualche minuto in più con il suo piccolo, dopo l’allattamento. Poco tempo dopo però la signora si sarebbe addormentata. E nessuno del reparto sarebbe passato a ritirare il neonato.

A lanciare l’allarme è stata un’infermiera. Durante il turno di notte, ha visto il corpo del piccolo inerte vicino a quello della mamma addormentata. Praticate anche tecniche di rianimazione, ma tutto – purtroppo – si è rivelato vano.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Interrogatorio di garanzia davanti al gip di Vibo. Ha risposto a tutte le domande l’ex direttrice amministrativa Valentina Amaddeo. Prodotta una memoria difensiva
L'ordinanza sulla sicurezza dei bagnanti comprende i Comuni da Simeri Crichi a Monasterace fino alla foce del torrente Assi
Ne dà notizia in una nota l'ateneo, spiegando che le circostanze della morte dell'avvocato e giurista "sono in corso di accertamento"
Del caso si sta occupando la Squadra Mobile. Sul luogo dell'agguato la polizia scientifica ha recuperato ben 5 bossoli
Sul posto oltre 15 unità dei vigili del fuoco che hanno lavorato per oltre un'ora nello spegnimento delle fiamme. Al via le operazioni per risalire alle cause del rogo
Sarà attivo il servizio sostitutivo via bus ma non si escludono disagi dal momento che l'intervento avviene nel periodo estivo
Avrebbero causato danni per circa mezzo milione di euro tra furto di energia elettrica e danneggiamenti ai contatori Enel
Secondo le ipotesi accusatorie avrebbero falsamente dichiarato un reddito inferiore rispetto alal soglia minima richiesta per legge
garbino
Ci sono anche due avvocati coinvolti nell'inchiesta della Dda di Catanzaro, nome in codice Garbino
Le armi vendute alle più importanti cosche calabresi, dai Giampà di Lamezia, agli Arena di Isola, ai Mancuso di Limbadi
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved