Si barrica in casa, uccide la moglie a coltellate e poi si suicida

La donna è stata trovata senza vita dalle forze dell'ordine che hanno fatto irruzione nell'appartamento

Napoli un 55enne, Pasquale Pinto, ha ucciso la moglie Ewa Kaminska a coltellate e, dopo aver sparato colpi in aria dal balcone ed essersi barricato in casa, si è suicidato. È successo in un condominio in via Raffaele Testa, nel quartiere di San Giovanni a Teduccio. La donna, colpita alla gola, è stata trovata senza vita dalle forze dell’ordine che hanno fatto irruzione nell’appartamento. Accanto a lei c’era il cadavere del marito, che potrebbe essersi ucciso ingerendo qualche sostanza.

Nell’abitazione le forze dell’ordine hanno trovato una cinquantina di proiettili e una pistola con cui l’uomo ha esploso dalla finestra diversi colpi in aria e anche verso gli agenti intervenuti sul posto. Pinto stava attraversando un periodo difficile dopo aver perso il lavoro. I tre figli della coppia non si trovavano nell’appartamento. Sembra infatti che due fossero a scuola e il terzo in gita. In molti dicono che la famiglia stesse vivendo una situazione economica precaria, non potesse contare su entrate fisse e che l’uomo stesso avesse solo lavori saltuari, dopo aver smesso di fare la guardia giurata. La donna aveva 48 anni ed era originaria della città polacca di Sztum. Il tentato furto della pistola a suo tempo subito, con conseguente ferimento, sarebbe stato un fatto da cui non si è più psicologicamente ripreso. In ogni caso, chi lo conosceva esclude che fosse una persona violenta: piuttosto, “uno tranquillo, che non dava problemi“. Le drammatiche vicende accadute nel quartiere periferico e molto popolare di Napoli sono state vissute con partecipazione dagli abitanti della zona, che hanno ripreso le varie fasi – l’uomo che si è affacciato al balcone, l’irruzione della polizia – con i telefonini e poi le hanno postate sui social.

Nell’abitazione le forze dell’ordine hanno trovato una cinquantina di proiettili e una pistola con cui l’uomo ha esploso dalla finestra diversi colpi in aria e anche verso gli agenti intervenuti sul posto. Pinto stava attraversando un periodo difficile dopo aver perso il lavoro. I tre figli della coppia non si trovavano nell’appartamento. Sembra infatti che due fossero a scuola e il terzo in gita. In molti dicono che la famiglia stesse vivendo una situazione economica precaria, non potesse contare su entrate fisse e che l’uomo stesso avesse solo lavori saltuari, dopo aver smesso di fare la guardia giurata. La donna aveva 48 anni ed era originaria della città polacca di Sztum. Il tentato furto della pistola a suo tempo subito, con conseguente ferimento, sarebbe stato un fatto da cui non si è più psicologicamente ripreso. In ogni caso, chi lo conosceva esclude che fosse una persona violenta: piuttosto, “uno tranquillo, che non dava problemi“. Le drammatiche vicende accadute nel quartiere periferico e molto popolare di Napoli sono state vissute con partecipazione dagli abitanti della zona, che hanno ripreso le varie fasi – l’uomo che si è affacciato al balcone, l’irruzione della polizia – con i telefonini e poi le hanno postate sui social.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Entrambi sarebbero in attesa di primo giudizio. A vigilare sui cortili della prigione c'era un solo agente
La strada è stata provvisoriamente chiusa al traffico. Il personale di Anas è sul posto per la gestione della viabilità
Un’opera rock di assoluto valore artistico, storico e culturale, che ci riporta al popolo dei Bretti e al mito di Donna Brettia
Edison Malaj è deceduto schiacciato da una lastra di cemento mentre lavorava nel piazzale delle ex cantine sociali di Frascineto
Al "Ceravolo" una partita equilibrata con brivido finale per i giallorossi, che salgono a 39 punti
L’uomo è stato portato in elisoccorso all’Annunziata di Cosenza. La strada fortunatamente non era trafficata al momento dell’incidente
"Si sta cercando di delocalizzare il poco rimasto nel capoluogo che fino a ora rendeva la stessa realtà, e l'area più centrale della Calabria, attrattivi"
Dirigenti dell’Anas, indagati per presunta corruzione, avrebbero fornito informazioni riservate sulle gare. Tutto ruota intorno alla Inver
È il caso di un uomo di 74 anni. Una Tac alla testa ha rivelato la presenza di un ago per l'agopuntura che stava causando un’emorragia cerebrale
Il Coruc, Comitato regionale universitario di coordinamento della Calabria, ha dato l'ok definitivo
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved