Calabria7

Si è ucciso il medico calabrese che sperimentò il plasma iperimmune nella lotta al Covid

de donno

L’ex primario di Pneumologia dell’ospedale Carlo Poma di Mantova, Giuseppe De Donno, è stato trovato morto nella sua abitazione di Curtatone, nel Mantovano. Stando a quanto riporta la ‘Gazzetta di Mantova’ si sarebbe tolto la vita a 54 anni. Nelle prime fasi della pandemia, era stato tra i primi a provare a curare il Covid col plasma iperimmune, terapia attorno alla quale, dopo un primo entusiasmo iniziale, si creò un certo scetticismo. A inizio giugno si era dimesso dall’ospedale di Mantova per cominciare, pochi giorni fa, a esercitare come di medico di base a Porto Mantovano.

“Non ci volevo credere. Perdiamo una bella persona, un grande medico, che durante il Covid ha lottato come un leone per salvare centinaia di vite, spesso contro tutto e tutti. Buon viaggio Giuseppe, lasci un vuoto grande” dice di lui il leader della Lega Matteo Salvini. “Siamo profondamente colpiti e addolorati dalla tragica notizia della scomparsa del dottor De Donno, in prima linea nella lotta al Covid e promotore della terapia con il plasma iperimmune. Alla sua famiglia, ai suoi cari e ai tanti colleghi che lo hanno conosciuto e apprezzato va il cordoglio e la vicinanza di Fratelli d’Italia” scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Coronavirus, nuova ordinanza del sindaco di Diamante

Mirko

Studente catanzarese in finale alle Olimpiadi delle neuroscienze

Matteo Brancati

Coronavirus, zero casi in uno dei Paesi più colpiti: è la prima volta

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content