Si toglie maschera dell’ossigeno per fumare e causa incendio in ospedale: morto paziente

La vittima è un 53enne di origini romene. La sigaretta ha faccio esplodere il macchinario per l’ossigenoterapia. La struttura è stata evacuata

Si chiamava Costica Brustureanu, romeno residente a Canicattì, aveva 53 anni. È morto nell’incendio scoppiato in serata, ieri 29 marzo, all’ospedale di Ribera, dove era ricoverato. È suo il corpo che i vigili del fuoco hanno trovato nella stanza del nosocomio agrigentino ‘Fratelli Parlapiano‘. Sul posto i vigili del fuoco. Al lavoro anche i carabinieri e la polizia. Secondo la ricostruzione dell’episodio, l’uomo si sarebbe tolto la mascherina dell’ossigeno che gli stavano somministrando e si sarebbe acceso una sigaretta. La scintilla ha fatto esplodere il macchinario e generato l’incendio nel quale ha trovato la morte. L’uomo era stato ricoverato ieri, poco dopo pranzo nella struttura di Ribera.

Sul posto sono giunti i vigili del fuoco del distaccamento di Sciacca e sono arrivate anche le squadre di Santa Margherita di Belìce e di Agrigento. I pompieri hanno subito evacuato pazienti e personale sanitario. Un’ala dell’ospedale Fratelli Parlapiano di Ribera è stata dichiarata inagibile. Non ci sono comunque feriti, né intossicati. I quattro pazienti che erano ricoverati nel reparto stanno bene, anche se sotto choc. Il corpo del 53enne deceduto è stato invece trasferito nella camera mortuaria

Sul posto sono giunti i vigili del fuoco del distaccamento di Sciacca e sono arrivate anche le squadre di Santa Margherita di Belìce e di Agrigento. I pompieri hanno subito evacuato pazienti e personale sanitario. Un’ala dell’ospedale Fratelli Parlapiano di Ribera è stata dichiarata inagibile. Non ci sono comunque feriti, né intossicati. I quattro pazienti che erano ricoverati nel reparto stanno bene, anche se sotto choc. Il corpo del 53enne deceduto è stato invece trasferito nella camera mortuaria

L’area è stata sequestrata

A coordinare le operazioni di soccorso è stata la sala operativa della questura di Agrigento, coordinata dal vice questore Francesco Sammartino. A Ribera è presente anche il dirigente del commissariato di Sciacca, il vice questore Cesare Castelli. La procura di Sciacca, con il sostituto di turno, ha disposto il sequestro dell’intera area. L’obiettivo è capire se tutto sia effettivamente andato secondo le attuali ricostruzioni. (Fanpage)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved