Calabria7

Sila: carabinieri recuperano capriola salvandola da cani randagi e auto

Capriolo tratto in salvo nel cuore della Sila, a San Giovanni in Fiore, in provincia di Cosenza. Ad accorgersi della sua presenza il signor Pasquale sollecitato dalle urla della figlia e dai guaiti del proprio cane. L’esemplare di capriolo si trovava nel bel mezzo della strada statale 107, che attraversa come una lama da nord a sud il Parco Nazionale della Sila. Dopo aver perso la propria madre la piccola cucciola si è ritrovata circondata da quattro cani randagi affamati che le abbaiavano contro. Erano in procinto di azzannarla, mentre la capriola piangeva emettendo gemiti struggenti e all’improvviso è stata accolta tra braccia umane. La bestiolina tentava di scappare attraversando più volte la sede stradale zigzagando tra le auto che sfrecciano ad alta velocità sulla Silana – Crotonese. Recuperata mentre ancora piange ed è visibilmente impaurita sono stati attivati i carabinieri Forestali del Reparto Parco Nazionale della Sila e a seguire quelli del Reparto Biodiversità di Cosenza al fine di trovarle un posto sicuro. La piccola di capriolo ha trascorso la notte tranquilla succhiando il latte che i carabinieri le hanno dato ed è stata successivamente portata al centro visita del Cupone nel Comune di Spezzano della Sila dove le è stato assegnato un recinto al coperto tutto per lei tra balle di fieno e paglia. La visita del veterinario ha fatto poi emergere che gode di buona salute.

 

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Tragedia di Paola, eseguiti gli esami sul mosto killer

Alessandro De Padova

Incremento dell’offerta formativa negli istituti tecnici, ammessi 14 progetti

Damiana Riverso

Incidente in via Teano a Catanzaro, nessun ferito

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content