Sindacato Usb di Catanzaro sul piede di guerra: proclamato lo stato di agitazione all’Asp

Le motivazioni che hanno indotto il sindacalisti a proclamare lo stato di agitazione sono molteplici
campagna vaccinale anti-Covid

“Noi, membri di USB Sanità Catanzaro, annunciamo ufficialmente la proclamazione dello Stato di Agitazione sull’Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro. Questa decisione è il primo passo verso una possibile futura proclamazione dello sciopero”. E’ quanto si legge in una nota diramata dallo stesso sindacato. “È con grande preoccupazione – scrivono i sindacalisti dell’Usb Sanità Catanzaro – che prendiamo questa decisione, consapevoli che uno sciopero metterebbe in seria crisi un sistema sanitario già duramente provato da anni di cattiva gestione e tagli lineari al personale e ai posti letto. Tuttavia, come lavoratori e lavoratrici della Sanità, anche se abbiamo sempre messo al primo posto la cura degli altri con professionalità e passione, in questo momento ci troviamo costretti ad agire di fronte alle gravi problematiche che affliggono il nostro ambiente lavorativo. Prima di arrivare a questa drastica decisione, abbiamo posto ripetutamente le nostre preoccupazioni alla direzione dell’Azienda. Purtroppo, nonostante i nostri solleciti, non sono stati presi provvedimenti adeguati”.

Le “molteplici” motivazioni dello stato d’agitazione

Le “molteplici” motivazioni dello stato d’agitazione

Le motivazioni che hanno indotto il sindacalisti a proclamare lo stato di agitazione sono molteplici: “La forte carenza di personale sia all’interno dei presidi ospedalieri che delle unità SUEM 118. Il mancato pagamento delle prestazioni aggiuntive erogate dal personale durante il mese di agosto 2023. La mancata erogazione dei buoni pasto, nonostante siano previsti dalle norme nazionali. Le numerose segnalazioni giunte alla nostra Organizzazione Sindacale riguardanti la mancanza di sicurezza sul posto di lavoro, con locali non idoneamente attrezzati, nuovi mezzi di soccorso sprovvisti di airbag lato passeggeri e lavoratori che svolgono il turno di lavoro in solitaria con il rischio di non essere soccorsi in caso di malori improvvisi. La mancata remunerazione del tempo di vestizione e svestizione e l’assenza di una banca ore per permettere l’accumulo di questi tempi come credito orario. Il mancato pagamento del premio di produttività per gli anni 2021, 2022 e 2023. La mancanza di un regolamento interno che disciplini il trasferimento dei lavoratori tra i vari reparti e tra i vari presidi ospedalieri, il che favorisce una gestione poco trasparente dei cambi intraziendali. Le violazioni riguardanti i tempi di riposo dopo il turno notturno e la non corretta erogazione delle ferie annuali. Le ripetute richieste non conformi al CCNL prodotte dall’ ufficio gestione risorse umane come lo smaltimento ferie per lavoratori in ingresso con cambi compensativi o con ricongiungimenti familiari. A questo si uniscono anche i lunghissimi tempi di attesa perpetuati dal medesimo ufficio per vedersi riconosciuti questi basilari diritti. A tutto questo si aggiunge un atteggiamento ostile nei confronti dei dirigenti sindacali della nostra organizzazione che più di una volta si sono visti negare informazioni su molteplici pratiche amministrative dei propri iscritti lungamente giacenti sui tavoli degli uffici aziendali”.

USB Sanità Catanzaro invita tutti i lavoratori dell’azienda e tutti i cittadini della provincia di Catanzaro ad unirsi alla protesta: “Non possiamo più ignorare queste gravi problematiche che minano la qualità del nostro lavoro e mettono a rischio la salute dei pazienti. Ribadiamo infatti che, la nostra protesta non è solo per migliorare le condizioni di lavoro, ma anche per garantire una migliore assistenza nel nostro sistema sanitario provinciale e regionale. E’ con questo spirito che oltre alla proclamazione dello stato di agitazione la nostra Organizzazione Sindacale avvierà le opportune segnalazioni presso gli organi competenti per verificare il rispetto delle norme di sicurezza sui posti di lavoro”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
Il gup nelle motivazioni della sentenza: "era a conoscenza dei rapporti tra 'ndrangheta e servizi segreti"
I genitori hanno scoperto casualmente un anno fa della malattia del figlio, dopo una serie di accertamenti
"Il mio ginecologo mi ricorda che devo controllare una cisti ovarica. Da lì parte uno tsunami. Risonanza, ricovero, operazione. Ciao ovaie"
Prende il posto di Bruno Trocini. Da giocatore ha indossato la maglia amaranto tra il 1988 e il 1990 ai tempi di Nevio Scala
I tempi? Appena la vice presidente Princi sarà proclamata in Europarlamento. Il governatore conferma: "Ho intenzione di alleggerirmi di alcune competenze"
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved