Sindaco di Rende condannato per corruzione in atti giudiziari, si chiedono dimissioni

"Manna, con un gesto di responsabilità verso istituzioni e comunità, avrebbe dovuto già rassegnare le dimissioni dalle cariche istituzionali"
Il Tribunale del Riesame di Catanzaro ha annullato la misura interdittiva a suo carico

“La fresca condanna di due anni e otto mesi, inferta dal GUP di Salerno al Sindaco di Rende Marcello Manna, rafforza il nostro convincimento, già espresso a più riprese e da più parti, sulla non più procrastinabile necessità di ridare una maggiore serenità politica ed istituzionale alla nostra comunità. Noi di Innova, da garantisti, nel pieno rispetto della vicenda umana e senza entrare nel merito di quella giudiziaria, pensiamo che l’avv. Marcello Manna, con un gesto di responsabilità verso istituzioni e comunità, avrebbe dovuto già rassegnare le dimissioni dalle cariche istituzionali ricoperte”. E’ quanto si legge in una nota diramata dal gruppo Innova Rende.

Si chiedono dimissioni del sindaco Manna

Si chiedono dimissioni del sindaco Manna

“Vista l’indisponibilità del sindaco a cogliere tale opportunità, per come abbiamo appreso con grande rammarico dalla stampa, nei prossimi giorni tutte le forze politiche “responsabili” consiliari ed extraconsiliari, non potranno fare altro che prendere atto del precipitare degli eventi. Nel rispetto del senso civico  e per quello dovuto ad Istituzioni e Collettività, tali forze – conclude Innova Rende – avranno il dovere di dimostrare maturità ed, inoltre, dovranno verificare formalmente l’opportunità di una sfiducia politica-istituzionale, volta esclusivamente ad evitare ulteriori paralisi amministrative ed a tutelare il prossimo futuro dell’intera Città”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
La vicesindaca di Catanzaro, Giusy Iemma, ribadisce con forza la posizione già espressa dal sindaco Nicola Fiorita contro la realizzazione del CPR nella località di Alli
Nicolina Parisi, 82 anni, ha offerto la propria tomba di famiglia per ospitare le salme dei migranti deceduti dopo il naufragio
Finanziamento ministeriale di circa un milione di euro per sistemi "intelligenti"
Sarà l'autopsia a cercare di chiarire le circostanze della morte. Le fiamme potrebbero essersi sviluppate quando l'uomo era ancora vivo
"Ero convinto di essere diventato ricco e invece ho quasi rischiato un infarto", ha raccontato la vittima dell'errore, un pensionato di 87 anni
Il pubblico ministero non aveva chiesto la condanna o l’assoluzione per maltrattamenti in famiglia ma il giudice aveva già deciso
Chi viene sorpreso al volante con lo smartphone in mano avrà la patente sospesa per una settimana se su questa ci sono almeno 10 punti
Il cane sarebbe scappato da una casa approfittando del cancello aperto: non sarebbe il primo episodio di aggressione
A seguito delle querele sporte dagli automobilisti coinvolti, la polizia ha individuato la donna e l'ha denunciata
L’uomo, un assistente capo coordinatore del Corpo di polizia penitenziaria, lavorava nel servizio a turno ed era stato anche aggredito 4/5 anni fa
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved