Calabria7

Smaltimento illegale di rifiuti pericolosi nel Cosentino: due denunce

operai arrestati

 I militari della Stazione carabinieri Forestale di Scalea (Cs) hanno sequestrato, all’interno di un terreno di proprietà privata in località Marinella di S.Nicola Arcella, 13 metri cubi di rifiuti speciali e pericolosi.

In particolare bottiglie di vetro, scarti di demolizione di materiale edili, materiale legnoso, latte di vernici, scarti di ceramiche sanitarie, buste con materiale plastico, recipienti vari e lastre di vetro. Al proprietario del terreno, titolare di una ditta, è stato contestato il reato di abbandono o deposito incontrollato di rifiuti, sia pericolosi che non pericolosi, ovvero immissione degli stessi in acque superficiali o sotterranee da parte di titolari di imprese o responsabili di enti” in violazione alla normativa ambientale. I controlli dei militari hanno, inoltre, portato al rinvenimento di fanghi di depurazione in un terreno agricolo. Questi, oltre 10 metri cubi, sono stati smaltiti illegalmente in contrada Puma nel Comune di Buonvicino, in un terreno privato. Il responsabile alla Procura della Repubblica di Paola.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

‘Ndrangheta: confisca beni da 1 milione di euro a imprenditore

Matteo Brancati

Incendio in impianto smaltimento rifiuti di Siderno, sindaco Locri chiude le scuole

Mirko

Azienda di autodemolizione sequestrata nel Cosentino

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content