Calabria7

Soldi per scarcerare boss, la Dda di Catanzaro chiede la condanna per l’avvocato Veneto

Basso Profilo

di Gabriella Passariello-  Condanne a pene comprese tra gli 8 ai 4 anni di reclusione sono stati chiesti dal pubblico ministero per cinque imputati, giudicati con rito abbreviato, nell’ambito dell’inchiesta sui presunti soldi dati nelle mani di un magistrato per ottenere in cambio la scarcerazione di alcuni capi e gregari della cosca di ‘ndrangheta dei Bellocco con l’intermediazione anche di un avvocato. Il pubblico ministro ha invocato 8 anni ciascuno per Giuseppe Consiglio, 51 anni, di Rosarno; Domenico Bellocco, alias Micu u Longu, 44 anni, residente a Rosarno, Rosario Marcellino, 50 anni, di Rosarno e per il noto penalista Armando Veneto, 87 anni, di Palmi, mentre ha chiesto 4 anni per il collaboratore di giustizia Vincenzo Albanese, 45 anni, di Rosarno. Si ritornerà davanti al gup distrettuale Matteo Ferrante il prossimo 12 novembre, giorno delle arringhe difensive degli avvocati Letterio Rositano, Mario Sant’ambrogio, Clara Varano e Francesco Giunta. Altri due imputati Vincenzo Puntoriero, 67 anni, domiciliato a Vibo e Gregorio Puntoriero, 41 anni di Vibo, (codifeso dai legali Salvatore Staiano e Vincenzo Cicino), sono già stati rinviati a giudizio e  per loro è in corso il processo dibattimentale davanti ai giudici del Tribunale collegiale.

Denaro in cambio della libertà

Secondo la Procura distrettuale, gli imputati, accusati a vario titolo di corruzione in atti giudiziari con l’aggravante delle modalità mafiose, avrebbero dato danaro o comunque avrebbero svolto il ruolo di intermediari nella dazione di soldi al magistrato Giancarlo Giusti (deceduto) per ottenere in qualità di giudice relatore ed estensore del Tribunale del Riesame di Reggio Calabria l’annullamento di alcune ordinanze di misure cautelari emesse dal gip su richiesta della Dda reggina.

Corruttori e intermediari

I fatti contestati risalgono al mese di agosto 2009: Giusti avrebbe accettato una somma complessiva di 120mila euro da Rocco Bellocco, Rocco Gaetano Gallo e Domenico Bellocco, 41 anni, i tre da favorire, definiti dalla Dda “corruttori”, ciascuno dei quali avrebbe dato 40mila euro per ottenere la libertà, attraverso l’intercessione con Giusti da parte dei Puntoriero, di Domenico Bellocco, 43 anni, Vincenzo Albanese, Giuseppe Consiglio e l’avvocato Veneto.  Fatto aggravato dalla mafiosità per agevolare le attività della cosca di ‘ndrangheta dei Bellocco  “e in particolare per consentire il ritorno in libertà di tre esponenti di spicco della cosca e per agevolare la stessa  in un momento di grave difficoltà generato dall’esecuzione di numerose ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di capi e gregari del clan disposta dal gip del Tribunale di Reggio su richiesta della locale Dda a seguito dell’esecuzione di alcuni provvedimenti di fermo di indiziato di delitto nell’ambito di un’ indagine volta a disarticolare la struttura organizzativa della cosca”.

Il sostegno alla cosca

L’avvocato Veneto e Domenico Puntoriero, secondo la Direzione distrettuale antimafia, in forza del rapporto di amicizia con Giusti, proprio per il loro ruolo di intermediari nella dazione di danaro,  “avrebbero fornito un concreto apporto al rafforzamento, alla conservazione  e alla prosecuzione della cosca Bellocco”.

LEGGI ANCHE | Soldi a un giudice per scarcerare boss, l’avvocato Veneto: “Difenderò la toga che porto”

 

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Orrore a Catanzaro, cane attende pasto e muore dopo essere stato avvelenato

Matteo Brancati

Sequestrati beni per oltre 50 milioni a imprenditori vicini al clan Farao-Marincola (NOMI)

Mirko

Costa (ART Calabria): “Cambiamo insieme la nostra amata regione”

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content