Sorpresi fuori a un bar nel Cosentino a bere una birra, in fuga davanti ai carabinieri

Dieci persone sono state sorprese dai carabinieri. Alla vista dei militari si sono date alla fuga, sanzionato il proprietario del locale
accoltella i genitori

Assembrati e senza mascherina bevevano birra davanti ad una pizzeria in violazione delle norme vigenti sul contenimento del Covid 19. Dieci persone sono state sorprese dai carabinieri della compagnia di Corigliano che hanno sospeso l’attività del locale di Schiavonea, frazione di Coriglian Rossano, e sanzionato il proprietario. Alla vista dei militari, gli avventori si sono dileguati, abbandonando le bottiglie di birra sul posto, mentre il proprietario è stato identificato. La sua attività è stata sospesa e il commerciante è stato sanzionato per la violazione delle prescrizioni relative all’apertura del locale oltre l’orario consentito e alla somministrazione e consumazione di bevande nei pressi dell’esercizio. E’ in corso l’identificazione degli avventori grazie alle immagini delle telecamere di sorveglianza, poste nella zona. I materiale è, al momento, al vaglio dei carabinieri. (ANSA)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
A soccorrere la donna è stata la polizia stradale in un'area di servizio. L'anziana si è riservata di denunciare l'autista del pullman
Protesta in risposta allo stop delle trascrizioni dei certificati di nascita esteri dei bambini con due papà
“I piccoli e medi industriali rappresentano la forza più sana dell'Italia. La loro forza non deriva dalla produzione. ma dall'efficienza”
“Grande soddisfazione per tutto il movimento pesistico calabrese, orgoglio e consapevolezza di aver saputo riconoscere un talento naturale"
Dagli atti sono emerse anche violenze e minacce nei confronti dei dirigenti della Spumador Spa, azienda di bevande gassate
L'uomo è accusato di minacce aggravate dall’uso delle armi, simulazione di reato, ricettazione e esplosioni pericolose in luogo pubblico
A Crotone verranno svolte le audizioni con le delegazioni provenienti dai Paesi europei verso i quali hanno chiesto la ricollocazione
L'unico soggetto ritenuto responsabile del delitto rimane Antonio Zuliani il quale aveva tentato di chiamare in causa i due imputati
"Una larga parte degli oneri di sistema serve a finanziare spese che nulla hanno a che vedere con i consumi energetici degli utenti"
"Gli interventi, oltre ad apportare dei miglioramenti in termini di vivibilità degli spazi, produrranno risparmio sui costi energetici"
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.