Calabria7

Sostegno donne con malattie oncologiche, QI Gong: “Il respiro ti fa bella”

QI gong catanzaro malattie oncologiche sostegno donne

Al via il service promosso dal Soroptimist e dal Lions Club Catanzaro Host. Il sostegno per le donne, soprattutto adolescenti con malattie oncologiche è il nostro obiettivo: il progetto QI Gong nasce per questo.

Spesso accade di essere troppo presi dalla routine quotidiana, ci si ritrova stressati e senza tempo. Ad un tratto arriva la malattia e il tempo diventa un crudele nemico. Da queste considerazioni nasce il Service “Come sei bella”, che prevede il sostegno alle donne e alle adolescenti affette da malattie oncologiche attraverso il progetto QI Gong, promosso dal Lions Club Catanzaro Host e dal Soroptimist di Catanzarato, presieduto rispettivamente dal dott. Giusepe Raiola e dall’avv. Adele Manno.

Il Soroptimist, in particolare, affianca l’iniziativa con il progetto “Qi Gong: il respiro ti fa bella” che offre alle donne della Struttura Operativa Complessa di Oncologia – diretta dalla dott.ssa Rosanna Mirabelli e inserita all’interno del Dipartimento di Ematologia, Oncologia e Medicina Trasfusionale della A.O. “Pugliese-Ciaccio” – di poter provare i benefici dell’antica arte cinese del Qi Gong.

“Si tratta – ha affermato Adele Manno, presidente Soroptimist – di un valido strumento per controllare gli effetti collaterali delle terapie oncologiche ed i disturbi associati alla malattia, quali depressione, nausea, problemi intestinali e molti altri effetti legati alla chemio e alla radio, nonché quelli collaterali relativi a cure ormonali.”

Gli incontri di “Qi Gong” hanno preso il via all’interno della SOC di Oncologia del “Pugliese-Ciaccio” grazie alla presenza dei Maestri Alessandro Carmelo Perlongo e Angela Palaia, esperti di Tai Chi Chuan e Bioenergetica.

“Abbiamo dato inizio – ha spiegato Manno – ad una serie di cicli di lezioni rivolte alle donne con  patologie oncologiche ma anche aperti al personale medico e paramedico. Gli esercizi previsti in questa tecnica, costituiti da movimenti lenti e fluidi, eseguiti effettuando una respirazione profonda, sortiscono effetti anti-stress, cossicché anche il personale sanitario possa benificiarne. Inoltre, l’impiego del ‘Qi Gong’ rappresenta una forma di attuazione del Piano Strategico 2014-2023 adottato dall’Organizzione Mondiale della Sanità che ha inteso promuovere le medicine tradizionali e il loro inserimento nei sistemi sanitari nazionali, anche in ragione della loro sostenibilità economica.”

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Catanzaro, auto perde il controllo e si ribalta

manfredi

Catanzaro, il 25 novembre chiude lo storico “Bar Imperiale”

Matteo Brancati

La prima di Stolen Shots, un film calabrese dai temi sociali (SERVIZIO TV)

Maurizio Santoro
Click to Hide Advanced Floating Content