Sostegno, ricerca e sviluppo: dalla Regione 20 milioni alle imprese

Potranno partecipare all’Avviso le micro, piccole e medie imprese e grandi imprese che possono unire le forze in forma associata
imprese regione calabria

“Sono 20 milioni le risorse che la Regione Calabria, attraverso il Dipartimento istruzione, formazione e pari opportunità, rende disponibili per l’Avviso in pre-informazione di selezione per progetti di ricerca e sviluppo. Un’iniziativa ambiziosa che dà attuazione all’Azione 1.1.1. del Programma regionale Calabria Fesr-Fse 2021-2027, volta a potenziare la ricerca e lo sviluppo nelle aree prioritarie della Strategia di specializzazione intelligente (S3)”. È quanto dichiara in una nota Giusi Princi, vicepresidente della Regione Calabria con delega all’istruzione.

“L’obiettivo dell’Avviso – sottolinea Princi – è sostenere progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale attraverso la collaborazione attiva tra imprese e organismi di ricerca. La ricerca collaborativa tra imprese e università rappresenta una forma avanzata di cooperazione che coinvolge attivamente sia il settore accademico che quello industriale al fine di promuovere l’innovazione e l’avanzamento tecnologico delle imprese calabresi, con l’obiettivo di migliorare i loro processi produttivi rendendole più competitive, richiamando, altresì, nuovi investimenti in Calabria da parte di grandi aziende. Questo tipo di collaborazione crea un ponte tra il mondo accademico, dove si svolge la ricerca scientifica e tecnologica, e il settore industriale, dove vengono applicati i risultati di questa ricerca per sviluppare nuovi prodotti, processi o servizi”.

“L’obiettivo dell’Avviso – sottolinea Princi – è sostenere progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale attraverso la collaborazione attiva tra imprese e organismi di ricerca. La ricerca collaborativa tra imprese e università rappresenta una forma avanzata di cooperazione che coinvolge attivamente sia il settore accademico che quello industriale al fine di promuovere l’innovazione e l’avanzamento tecnologico delle imprese calabresi, con l’obiettivo di migliorare i loro processi produttivi rendendole più competitive, richiamando, altresì, nuovi investimenti in Calabria da parte di grandi aziende. Questo tipo di collaborazione crea un ponte tra il mondo accademico, dove si svolge la ricerca scientifica e tecnologica, e il settore industriale, dove vengono applicati i risultati di questa ricerca per sviluppare nuovi prodotti, processi o servizi”.

Chi potrà partecipare all’avviso

Potranno partecipare all’Avviso le micro, piccole e medie imprese e grandi imprese che possono unire le forze in forma associata, collaborando con un organismo di ricerca per candidarsi. Il finanziamento messo a disposizione copre costi che vanno dal personale alle attrezzature, dai brevetti ai servizi di consulenza, l’importo massimo finanziabile varia in base alle dimensioni dell’impresa e all’articolazione del progetto, con una particolare attenzione per la sostenibilità e l’impatto ambientale.

Gli aiuti, concessi sotto forma di contributo in conto capitale, possono coprire fino all’80% dei costi ammissibili. Un supporto tangibile per catalizzare l’innovazione in Calabria.

La finestra per le candidature si aprirà nei primi giorni del 2024 con una dotazione finanziaria di 20 milioni di euro che contribuiranno a trasformare tante idee in realtà.

“La ricerca – prosegue la vicepresidente – è il cuore pulsante dell’innovazione, e la collaborazione tra il mondo accademico e quello produttivo è la chiave per fare emergere il vero potenziale della nostra regione, presupposto di sviluppo e di crescita della Regione. Questo avviso rappresenta, infatti, un passo significativo per sostenere la competitività dell’economia calabrese e si integra con le iniziative messe in campo anche dal Dipartimento sviluppo economico e attrattori culturali. A gennaio, l’Avviso sarà presentato nel corso di tante iniziativa che vedranno il coinvolgimento delle associazioni rappresentative del sistema imprenditoriale, in una logica di condivisione e confronto”, conclude la vicepresidente Princi.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Tra i rifiuti bruciati c'era anche della plastica, i cui fumi inalati rischiano di provocare un avvelenamento da sostanze chimiche tossiche e danni alla trachea, alle vie respiratorie e ai polmoni
È il modello che viene utilizzato per il versamento di tributi, contributi e premi e permette, nella stessa operazione, anche la compensazione di eventuali crediti
In genere avviene dopo 10 anni, ma ci sono anche casi in cui interviene prima: in quali casi succede
Da gennaio 2024 sono stati confermati 5 cinque casi nella stessa regione
L'Intervista
Lo scenario prefigurato dal docente Unical che estende il problema a tutto il Paese: "Lo Stato rischia di fallire"
l'inviato
In 200 vivono nel totale degrado in uno degli angoli più nascosti della tanto osannata Perla del Tirreno. Mezzo secolo di promesse e mancate risposte
Si tratta di due migranti di circa 30 anni, accusati di reati contro il patrimonio e la persona
Ceraso: “Oggi la mia gente ha dimostrato di non avere paura, sono orgoglioso di essere il loro sindaco”
Per ricostruire la dinamica dell'incidente sono intervenuti i carabinieri e gli ispettori dell'azienda sanitaria locale
Il racconto di un uomo di 56 anni sopravvissuto perché ha ricevuto microbiota fecale e fegato
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved