Spaccio di droga nel Catanzarese, tre rinvii a giudizio

Passepartout regione calabria

Con tre rinvii a giudizio, due condanne e un’assoluzione si è concluso il processo di primo grado nato dall’operazione “Gasper”, che ha stroncato un fiorente traffico di marijuana nel Catanzarese. Il gup del Tribunale di Catanzaro Pietro Carè ha rinviato a giudizio Alessandro Calabretta, 26 anni di Soverato,  Annamaria Gregoraci, 23 anni, di Soverato, Pasquale Maiolo, 21 anni di Serra San Bruno, che hanno scelto il rito ordinario. Il processo per loro inizierà il prossimo 27 ottobre, mentre ha condannato Antonio Procopio detto Giammanco, 31 anni, di Catanzaro a 2 anni e sei mesi di carcere, mentre a Domenico Spadea detto Sassolino, 26 anni, di Soverato, il gap ha inflitto 4 anni e 2 mesi di reclusione. Assolta Mary Fazio, 23 anni, residente a Montepaone, assistita dal legale Fabrizio Costarella. Un’inchiesta scattata in seguito alle attività di intercettazione ambientale nei confronti di Spadea, con cui gli investigatori sono riusciti ad individuare la consegna del narcotico ai propri acquirenti, che a volte sarebbe avvenuta con consegna a domicilio . Sono state captate e registrate varie conversazioni sullo spaccio di stupefacenti, nonché al social network cui fare riferimento per la richiesta di stupefacente da acquistare attraverso il termine convenzionale “caffè”. Un’attività che si sarebbe poi estesa individuando i ruoli degli altri imputati, come Procopio, che avrebbe cooperato con Spadea per l’approvvigionamento della droga: entrambi avrebbero concordato il prezzo da praticare ai clienti. Fatti che si sarebbero verificati nel 2014 a Montepaone, Gasperina e Montauro. Impegnati nel processo, tra gli altri, gli avvocati Gioconda Soluri e Franco Maida.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Interrogatorio di garanzia davanti al gip di Vibo. Ha risposto a tutte le domande l’ex direttrice amministrativa Valentina Amaddeo. Prodotta una memoria difensiva
L'ordinanza sulla sicurezza dei bagnanti comprende i Comuni da Simeri Crichi a Monasterace fino alla foce del torrente Assi
Ne dà notizia in una nota l'ateneo, spiegando che le circostanze della morte dell'avvocato e giurista "sono in corso di accertamento"
Del caso si sta occupando la Squadra Mobile. Sul luogo dell'agguato la polizia scientifica ha recuperato ben 5 bossoli
Sul posto oltre 15 unità dei vigili del fuoco che hanno lavorato per oltre un'ora nello spegnimento delle fiamme. Al via le operazioni per risalire alle cause del rogo
Sarà attivo il servizio sostitutivo via bus ma non si escludono disagi dal momento che l'intervento avviene nel periodo estivo
Avrebbero causato danni per circa mezzo milione di euro tra furto di energia elettrica e danneggiamenti ai contatori Enel
Secondo le ipotesi accusatorie avrebbero falsamente dichiarato un reddito inferiore rispetto alal soglia minima richiesta per legge
garbino
Ci sono anche due avvocati coinvolti nell'inchiesta della Dda di Catanzaro, nome in codice Garbino
Le armi vendute alle più importanti cosche calabresi, dai Giampà di Lamezia, agli Arena di Isola, ai Mancuso di Limbadi
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved