Calabria7

Spaccio metadone in deposito, condannato noto restauratore

Un noto restauratore 58enne nel centro storico di Cosenza è stato arrestato per spaccio di metadone. I carabinieri in piazza Piccola avevano notato segnali che facevano pensare a un’attività di cessione di sostanze stupefacenti; durante un servizio perlustrativo, infatti, avevano deciso di perquisire un magazzino di restauro e anche il domicilio personale del restauratire, trovando e sequestrando 8 confezioni sigillate di metadone cloridato da 5 mg., 5 confezioni sigillate di metadone cloridato da 50 mg., una confezione aperta e parzialmente consumata di metadone cloridato da 50 mg., 3 compresse sigillate sublinguali buprenorfina/naloxone- suboxone da 2 mg., 2 compresse sigillate sublinguali buprenorfina/naloxone – suboxone da 8 mg.

I prodotti erano stati inviati al Laboratorio Analisi Sostanze Stupefacenti del Comando Provinciale Carabinieri di Vibo Valentia, per gli esami utili. Nel corso della perquisizione domiciliare, i militari dell’Arma hanno constatato la presenza di un allaccio abusivo alla rete elettrica, attraverso cui il 58enne sottraeva furtivamente energia per l’alimentazione elettrica della propria abitazione. L’uomo è stato arrestato ed è stato giudicato con rito direttissimo, condannato a mesi 8 di reclusione ed al pagamento di una multa pari a 1000 euro.

Articoli Correlati

San Demetrio Corone, svolto convegno su importanza suino nero

Matteo Brancati

Cosenza, console Marocco con il piccolo Rayar a palazzo dei Bruzi

manfredi

Ruba trapani da negozio e tenta la fuga, arrestato

Matteo Brancati