Calabria7

Spara urlando “sono ‘ndranghetista”, arrestato calabrese in Piemonte

Ha sparato a un sinti che si trovava fuori dalla sua abitazione assieme a due bambine, urlando di appartenere alla ‘ndrangheta. I carabinieri di Tortona, in provincia di Alessandria, hanno arrestato per tentato omicidio Mario Scorza, 52enne originario della provincia di Cosenza e residente a Voghera, già condannato per reati in materia di stupefacenti e contro il patrimonio, più volte arrestato per furto ed estorsione.

L’agguato risale allo scorso 20 luglio, quando attorno a mezzogiorno, in località Brugna di Pontecurone, un gruppo di tre persone della stessa famiglia di origini sinti si trovava fuori dalla propria abitazione a dialogare e controllare due bambine che giocavano davanti al giardino di casa.     All’improvviso sul posto è giunto a forte velocità in retromarcia un furgone di colore chiaro. L’autista è sceso dal mezzo e dopo aver urlato di appartenere alla ‘ndrangheta, ha minacciato di morte uno dei tre uomini sparandogli due colpi d’arma da fuoco. Fortunatamente i proiettili non hanno raggiunto il bersaglio: l’uomo ha trovato riparo dietro la propria auto e ha subito avvertito i carabinieri. Dopo avere individuato il mezzo, dove sotto il sedile dell’autista è stato trovato un revolver di fabbricazione inglese, con all’interno del tamburo tre proiettili integri e i bossoli di altrettanti proiettili esplosi, i militari hanno scovato l’autore dell’agguato, che si era rifugiato in un caseggiato.

Scorza è stato trovato in possesso di una dose di cocaina e di un coltello a serramanico custodito all’interno di uno zaino. Una volta convalidato il fermo, l’uomo è stato accompagnato al carcere di Alessandria. Le indagini proseguono per ricostruire i rapporti tra i soggetti coinvolti e chiarire il movente del tentato omicidio.

Articoli Correlati

Centro Convenienza riapre, ma tensione sempre molto alta

nico de luca

Corigliano Rossano, il 31 agosto il “Premio Ausonia”

Matteo Brancati

Catanzaro, insulta i carabinieri per non essere identificato

manfredi