Spari contro auto, arrestati tre fratelli a Gioia Tauro

sorpreso a cedere la droga-alt

Tre fratelli di Gioia Tauro, i gemelli Cosma e Rocco Sposato di 24 anni e la sorella Pamela di 31 anni, sono stati arrestati dagli investigatori del Commissariato di Gioia Tauro che al termine di indagini coordinate dalla Procura di Palmi diretta dal procuratore capo Ottavio Sferlazza hanno eseguito un’ordinanza di misure cautelari con cui il gip ha disposto la custodia in carcere per i due gemelli e gli arresti domiciliari per la sorella. Ai tre fratelli, il cui cognome declinato in inglese ha ispirato il nome in codice “Married” dell’operazione, sono contestati i reati di danneggiamento aggravato in concorso, per avere esploso, i gemelli quali esecutori, un colpo di lupara sull’auto del fratello del marito della donna, quale istigatrice, spari in luogo pubblico, detenzione illecita di cartucce cal. 12, calunnia, per avere incolpato falsamente un altro loro fratello del danneggiamento.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Confermato l'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Francesco Putortì, indagato per omicidio e tentato omicidio
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved