Speranze per la cura del Parkinson, alla Dulbecco di Catanzaro una terapia rivoluzionaria: ecco come funziona

L’UOC di Neurologia di Catanzaro ha trattato oltre 50 pazienti con questa tecnica, registrando risultati eccellenti
dulbecco

Per la prima volta in Calabria è stata introdotta una rivoluzionaria terapia infusionale sottocutanea per il trattamento del Parkinson. Stavolta le speranze di cura arrivano dall’Unità Operativa Complessa di Neurologia dell’Azienda Ospedaliera Universitaria “Dulbecco” di Catanzaro. Il trattamento è stato eseguito dall’equipe medica guidata dal professor Maurizio Morelli, sotto la direzione del professor Antonio Gambardella, con il supporto del personale infermieristico coordinato dal dottor Giuseppe Passafaro.

La nuova terapia utilizza la foslevodopa/foscarbidopa somministrata sottocute, offrendo un’alternativa innovativa alle tradizionali compresse orali che, nel tempo, perdono efficacia. Questo approccio garantisce un controllo più stabile dei sintomi, migliorando notevolmente la qualità della vita dei pazienti. Il Parkinson è una malattia degenerativa caratterizzata dal rallentamento progressivo dei movimenti volontari. Fino ad oggi, il trattamento principale consisteva in compresse orali per ripristinare i livelli di dopamina nel cervello. Con il tempo, l’efficacia di queste compresse diminuisce, compromettendo la capacità dei pazienti di svolgere attività quotidiane. Per superare queste limitazioni, è stata introdotta una somministrazione continua del farmaco direttamente nell’intestino tramite una pompa di infusione, ma questa richiede un intervento endoscopico/chirurgico per il posizionamento del dispositivo.

La nuova terapia utilizza la foslevodopa/foscarbidopa somministrata sottocute, offrendo un’alternativa innovativa alle tradizionali compresse orali che, nel tempo, perdono efficacia. Questo approccio garantisce un controllo più stabile dei sintomi, migliorando notevolmente la qualità della vita dei pazienti. Il Parkinson è una malattia degenerativa caratterizzata dal rallentamento progressivo dei movimenti volontari. Fino ad oggi, il trattamento principale consisteva in compresse orali per ripristinare i livelli di dopamina nel cervello. Con il tempo, l’efficacia di queste compresse diminuisce, compromettendo la capacità dei pazienti di svolgere attività quotidiane. Per superare queste limitazioni, è stata introdotta una somministrazione continua del farmaco direttamente nell’intestino tramite una pompa di infusione, ma questa richiede un intervento endoscopico/chirurgico per il posizionamento del dispositivo.

Un centro all’avanguardia in Calabria

L’UOC di Neurologia di Catanzaro ha trattato oltre 50 pazienti con questa tecnica, registrando risultati eccellenti. La novità risiede nell’introduzione di una pompa di infusione sottocutanea, che può essere indossata comodamente alla cintura e non richiede interventi chirurgici. Questo dispositivo, utilizzato per la prima volta in Calabria, ha mostrato benefici clinici immediati nel paziente trattato, con una risoluzione dei disturbi motori per tutta la giornata. La disponibilità di questi trattamenti innovativi presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria “Dulbecco” di Catanzaro rappresenta un passo significativo nella riduzione delle migrazioni sanitarie. I pazienti calabresi, infatti, potranno ora accedere a cure all’avanguardia senza doversi spostare in altre regioni, migliorando così l’accesso alle terapie avanzate e la qualità della vita. Con l’implementazione di questa nuova terapia, il Centro di Disordini del Movimento della Neurologia Universitaria si conferma tra i principali centri di riferimento in Italia per il trattamento del Parkinson, consolidando ulteriormente il ruolo della Calabria nel panorama sanitario nazionale.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
Il gup nelle motivazioni della sentenza: "era a conoscenza dei rapporti tra 'ndrangheta e servizi segreti"
I genitori hanno scoperto casualmente un anno fa della malattia del figlio, dopo una serie di accertamenti
"Il mio ginecologo mi ricorda che devo controllare una cisti ovarica. Da lì parte uno tsunami. Risonanza, ricovero, operazione. Ciao ovaie"
Prende il posto di Bruno Trocini. Da giocatore ha indossato la maglia amaranto tra il 1988 e il 1990 ai tempi di Nevio Scala
I tempi? Appena la vice presidente Princi sarà proclamata in Europarlamento. Il governatore conferma: "Ho intenzione di alleggerirmi di alcune competenze"
Accolto l'appello della difesa. Nessuna pericolosità sociale: "non esistono elementi da cui desumere l'appartenenza alla 'ndrangheta"
Buone notizie dall'occupazione: è aumentata anche nel 2023, sia nella componente autonoma sia per quella alle dipendenze
E' stato bloccato dalla polizia mentre vagava in una zona di campagna. Si trova in stato di fermo negli uffici del commissariato
Il fatto è accaduto a Capistrano, nel Vibonese e per fortuna il conducente ha riportato solo un leggero trauma cranico
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved