Speziali: “Lo smantellamento della ZES è un colpo micidiale per la Calabria”

Il responsabile regionale Calabria e membro della Direzione Nazionale dell'UdC chiederà un confronto con Palazzo Chigi

“Resto basito da quanto appreso, in merito allo smantellamento della ZES Calabria, pure perché ho ben presente nei miei ricordi – e notoriamente ho una memoria di ferro! – gli sbandierati proclami ai quattro venti, financo del presidente (pro tempore) della Regione, Roberto Occhiuto, fresco di nomina quale vicesegretario del suo partito, sebbene assieme ad altri tre e senza essere il vicario, sfortunatamente per la nostra terra. Ciò, non rientra, certamente nelle sue responsabilità, le quali non ha, anzi subisce e noi con lui, un colpo micidiale, per lo sviluppo della Calabria”. Lo scrive in una nota Vincenzo Speziali, responsabile regionale Calabria e membro della Direzione Nazionale dell’UdC.

Speziali aggiunge: “Certo, se si fosse evitato di seminare ottimismo a iosa, quasi che fosse tutto di pertinenza regionale, sarebbe stato meglio, certamente più consono, ma tant’è, perciò adesso bisogna capire cosa dover e poter fare. Di sicuro, ciò è un compito della politica e per politici seri, autorevoli e con contatti diretti, ragione per cui, da parte mia, pure considerando un personale e familiare rapporto con uno dei massimi dirigenti della struttura di missione a Palazzo Chigi, già nelle prossime ore, chiederò un confronto, anche in virtù di essere responsabile regionale (ed esponente nazionale) di un partito di Governo centrale e locale”.

Speziali aggiunge: “Certo, se si fosse evitato di seminare ottimismo a iosa, quasi che fosse tutto di pertinenza regionale, sarebbe stato meglio, certamente più consono, ma tant’è, perciò adesso bisogna capire cosa dover e poter fare. Di sicuro, ciò è un compito della politica e per politici seri, autorevoli e con contatti diretti, ragione per cui, da parte mia, pure considerando un personale e familiare rapporto con uno dei massimi dirigenti della struttura di missione a Palazzo Chigi, già nelle prossime ore, chiederò un confronto, anche in virtù di essere responsabile regionale (ed esponente nazionale) di un partito di Governo centrale e locale”.

“È giusto battersi per questa terra – afferma Speziali – e farlo in modo onesto, alla luce del sole, informando i cittadini e confidando nel loro giudizio, che daranno al momento opportuno, in quanto è ad essi che dobbiamo rendere conto, sempre e comunque. Certamente, per come stanno le cose adesso e con siffatta nuova impostazione – proprio circa la ZES – non posso dichiararmi assolutamente favorevole, pur se riconosco le buone intenzioni che hanno mosso in tal senso l’amico Raffaele Fitto (Ministro delegato al dossier)”.

“Parimenti però – conclude Speziali – dovremmo trovare tutti quanti noi, cioè forze politiche di maggioranza e opposizione, un momento di incontro alla Cittadella, con il presidente Occhiuto e poi, riproporre, tale modus operandi, persino a Roma, se non altro in merito a codesto specifico argomento, in quanto la Zona Economica Speciale è uno strumento vitale, unico e prezioso, proprio per il rilancio di tutta l’economia del Paese, principalmente delle sue zone ancora svantaggiate – rispetto al divario con il Nord Italia – quale è ancora il Mezzogiorno”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel corso dell'incontro sarà presentato il dossier elaborato dai circoli locali di Legambiente basato sulla campagna di monitoraggio effettuata su alcune aste fluviali
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved