Calabria7

Sposato (Cgil): “Debolezza partiti su programmi”

Sposato

“Auspichiamo che oltre la discussione sulle candidature ci siano momenti di confronto necessari sui programmi e sulle prospettive”. Lo scrive, su Facebook, il segretario generale della Cgil Calabria, Angelo Sposato.

“La Calabria non solo non ha cambiato passo, come proponevamo nel novembre 2017 ma, la situazione, è gravemente peggiorata sotto il profilo economico-sociale. Nelle prossime settimane ci troveremo di fronte a una serie di vertenze cruciali che coinvolgeranno migliaia di lavoratori in una fase delicata e in prossimità del voto regionale. In questi giorni, i partiti stanno presentando le loro candidature in vista delle elezioni regionali, alcune candidature sono già in campo.

Quello che ci sorprende è la debolezza dei contenuti e dei programmi che si vogliono mettere in campo per superare le emergenze.

Serve una svolta”. Secondo Sposato, “alla Calabria serve una nuova politica, serve una grande stagione di riforme per ridisegnare la sua geografia istituzionale, perché sono tanti 400 comuni, perché sono tanti gli ospedali fotocopia, perché non si può creare lavoro solo con tirocini e precariato a vita, perché la partecipazione pubblica e gli enti strumentali si devono occupare di migliorare la Calabria e non possono solo servire come carrozzoni di familismi e clientele. Serve una regione normale che governi la sanità per curare i malati e garantire la salute dei cittadini e non per assicurare doppie, triple fatture in appalti e forniture.

Serve – rileva Sposato (Cgil Calabria) – una regione che stia al fianco dei cittadini e delle procure antimafia e combatta la ‘ndrangheta e ogni illegalità. Una regione capace di un confronto con il governo per un grande Piano per il lavoro, con investimenti pubblici, che discuta di Gioia Tauro, sblocco delle infrastrutture, Zes, contratti di sviluppo, economia verde, alta velocità e mobilità sostenibile.

Serve una regione antifascista e antirazzista, per questo occorre unità contro la deriva xenofoba e leghista. Per questa ragione, quindi, sarebbe stato più semplice partire da un programma di priorità e cambiamento per la Calabria. Con il coinvolgimento della società civile e fare una grande alleanza sociale per la Calabria”.

Sposato conclude: “Auspichiamo che oltre la discussione sulle candidature, quindi, ci siano momenti di confronto necessari sui programmi e sulle prospettive. La Cgil è pronta con le sue proposte e la sua autonomia a un confronto costruttivo per una nuova Calabria”.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Trasporti, venerdì 22 marzo sciopero personale Trenitalia

Matteo Brancati

Soverato, Confesercenti punta sul turismo per il rilancio del territorio

Carmen Mirarchi

Reddito Cittadinanza, a Crotone le prime domande

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content