Calabria7

Statale 106: nel secondo Cdm del Governo Draghi neanche un euro per la “strada della morte”

Il direttivo dell’associazione Basta Vittime Sulla Strada Statale 106 informa i cittadini calabresi che, nella giornata del 9 giugno scorso ha avuto luogo la seconda seduta del Consiglio dei Ministri del Governo Draghi (CIPESS ex CIPE), convocata alle 10.30 in modalità videoconferenza secondo le prescrizioni dell’Ufficio del Cerimoniale della Presidenza del Consiglio dei Ministri. “Il Consiglio dei Ministri, – si legge in una nota dell’associazione Basta Vittime sulla Strada Statale 106 – in merito al tema delle infrastrutture, attraverso una Delibera CIPESS ha dato parere favorevole, ha autorizzato l’utilizzo delle risorse, già disponibili, per circa 538,42 milioni di euro, rinvenienti da contributi residui su fondi già assegnati al Modulo sperimentale elettromeccanico per la salvaguardia della Laguna e della città di Venezia, per interventi di completamento del sistema Mose. Nel secondo Consiglio dei Ministri del Governo Draghi non vi è alcuna traccia relativa ad interventi, finanziamenti o proposte che possano riguardare in qualsiasi modo la strada Statale 106 in Calabria. Continueremo a informare i calabresi che hanno il diritto di conoscere gli atti ufficiali, formali e sostanziali e le scelte del Governo italiano che riguardano la famigerata e tristemente nota “strada della morte” in Calabria ed è per questo motivo che senza sosta rendicontare tutte le future sedute dei Consigli dei Ministri affinché tutti, nessuno escluso, possano finalmente avere contezza della verità”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Il Natale “caldo” di Palazzo De Nobili, i fari della Procura e il silenzio politico

bruno mirante

Armi e munizioni sotto il letto di pensionata: denunciata

nico de luca

Il progetto Farmitalia, l’idea “rubata” all’ex senatrice e i faccendieri del clan

Gabriella Passariello
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content