Calabria7

Stige: politici, boss e affiliati ai Farao-Marincola di nuovo sul banco degli imputati (NOMI)

di Gabriella Passariello- Ritornano di nuovo sul banco degli imputati, ex amministratori, sodali ed affiliati alla cosca di ‘ndrangheta Farao-Marincola, di Cirò, una delle più potenti in Calabria, attiva soprattutto nelle estorsioni e nel traffico di droga e che vanta ramificazioni anche in Emilia Romagna, Veneto, Lazio, Lombardia, coinvolti nel maxi blitz antimafia, nome in codice “Stige”, condotto dagli 007 del Ros e dai militari del Comando provinciale dei carabinieri di Crotone sotto il coordinamento della Dda di Catanzaro che portò nel 2018 all’arresto di 169 persone e al sequestro di oltre 50 milioni di euro. La Corte di appello di Catanzaro, presieduta da Loredana De Franco ha stabilito l’inizio del processo di secondo grado nei confronti di 53 persone, giudicate con rito ordinario e condannate dal Tribunale di Crotone a oltre 600 anni di reclusione, per il prossimo 16 marzo. Tra gli imputati compaiono i nomi  dei vertici della cosca, Giuseppe e Silvio Farao, dell’ ex sindaco di Cirò Marina ed ex presidente della Provincia di Crotone Nicodemo Parrilla, l’allora primo cittadino di Strongoli Michele Laurenzano e l’assessore ai Lavori pubblici pro tempore di Cirò Marina Giuseppe Berardi. Le accuse vanno a vario titolo dall’associazione a delinquere di stampo mafioso, al concorso esterno,  all’estorsione, all’autoriciclaggio, al porto e alla detenzione illegale di armi e munizioni. E ancora intestazione fittizia di beni, procurata inosservanza di pena e illecita concorrenza con minaccia aggravata dal metodo mafioso. Per un altro filone dello stessa inchiesta che vedeva 80 imputati, giudicati con rito abbreviato, la Corte di appello del capoluogo di regione, ha sentenziato il 24 settembre dello scorso anno  cinquantotto condanne, venti assoluzioni e due non luogo a procedere per un totale di oltre 4 secoli di reclusione (LEGGI).

I nomi dei 53 imputati

Natale Aiello, 62 anni di Botricello; Caterina Aloisio, 45 anni, di Crotone; Fabrizio Anania, 48 anni, di Cirò Marina;  Valentino Anania , 40 anni, di Cirò Marina; Tommaso Arena, 37 anni, residente a Cirò Marina; Martino Aulisi, 35 anni, di Battipaglia; Vincenzo Barberi, 63 anni residente in Germania; Giuseppe  Berardi, 48 anni, di Cirò Marina; Antonio Giorgio Bevilacqua,45 anni, di San Giorgio a Cremano; Vittorio Bombardiere, 59 anni di Cirò Marina; Carlo Bombardieri, 69 anni, residente a Cirò Marina;  Francesco Bonesse , 52 anni, di Melissa; Giuseppe Bruno, 66 anni residente in Germania; Mario Campiso, 41 anni, di Cariati; Francesco Capalbo, 67 anni, di Strongoli; Dino Carluccio, 44 anni, di Cirò Marina; Gabriele Cerchiara, 40 anni residente a Torretta di Crucoli; Assunta Cerminara, 69 anni, di Umbriatico; Emanuele Chiriaco, 48 anni di Crotone; Giuseppe Clarà, 57 anni, di Crotone; Luigino Comberiati, 49 anni, di Petilia Policastro; Aniello Esposito, 41 anni, di Napoli; Giuseppe Farao, 38 anni, di Cariati; Giuseppe Farao, 75 anni, di Cirò; Silvio Farao, 74 anni, di Cirò; Vincenzo Farao, 50 anni, residente a Cirò; Paolo Fazi, 59 anni, di Pietra Marazzi;  Giuseppe Gallo, 57 anni di Aprigliano;Vincenzo Giglio, 31 anni, di Crotone; Andrea Grillini, 45 anni, di Bologna; Michele Laurenzaro, 47 anni, residente a Strongoli; Cataldo Malena, 47 anni, di Strongoli; Pasquale Malena, 45 anni, residente a Cirò Marina; Paolo Maletta, 57 anni, di Colosimi; Enrico Miglio, 70 anni, di Strongoli; Francesco Morrone, 37 anni, di Cariati; Ivano Murano, 38 anni, di Cariati; Alessandro Nigro, 34 anni residente a Cirò Marina; Salvatore Nigro, 62 anni, di Cirò Marina; Elton Nikolla, 40 anni, residente a Cirò Marina; Salvatore Papaianni, 47 anni, di Cirò Marina;  Nicodemo Parrilla, 63 anni, di Cirò Marina; Giorgio Salvatore Pucci,62 anni, di Cirò Marina;  Gaetano Russo, 42 anni, di Crotone; Luigi Salvato, 46 anni, di Crucoli; Massimo Scarriglia, 45 anni, di Crotone; Antonio Spadafora, 39 , di Crotone; Luigi Spadafora, 71 anni di San Giovanni in Fiore; Pasquale Spadafora, 46 anni, di Crotone; Rosario Spadafora, 35 anni, di San Giovanni in Fiore; Giuseppe Tridico, 44 anni, residente a Montalcino; Piero Vasamì, 53 anni, Germania e Valentino Zito, 52 anni, di Cirò Marina.

Le parti civili costituite

Quindici le parti civili costituite al processo tra Comuni, sindacati e associazioni. Si tratta del Comune di Cirò Marina, rappresentato dall’avvocato Biagio Di Vece del foro di Reggio Calabria; Comune di Cutro, difeso dall’avvocato Romilo Villirillo, del foro di Crotone; Comune di Strongoli assistito dal legale Raffaele Marciano del foro di Nola ; Comune di Cariati, rappresentato dall’avvocato Raffaele Bruno del foro di Catanzaro ; Comune di Mandatoriccio, rappresentato dal legale Nicola Candiano del foro di Castrovillari; Comune di Scigliano, rappresentato dall’avvocato Ennio Pantuso del foro di Cosenza; Comune di Colosimi, assistito dall’avvocato Antonio Valerio Ferraiolo del foro di Vibo; Comune di Pietrapaola, rappresentato dall’avvocato Francesco Calabrò del foro di Cosenza; Comune di San Giovanni in Fiore, difeso dall’avvocato Filomena Befaro, del foro di Cosenza; Antonio Gallo, difeso dall’avvocato Piero Mancuso del foro di Catanzaro; Legambiente Calabria Onlus, in persona del rappresentante legale difeso dal legale Anna Parretta del foro di Catanzaro; Cgil Emilia Romagna, in persona del legale rappresentante difeso dal legale Libero Mancuso del foro di Bologna; Cgil Calabria, in persona del rappresentante legale difeso dall’avvocato Maria Irene Rotella del foro di Catanzaro; Cgil nazionale in persona del suo rappresentante legale rappresentato dall’avvocato Massimo Di Celmo del foro di Napoli e Poste Italiane spa in persona del legale rappresentate assistito dall’avvocato Giulia Bongiorno del foro Vibo.

Le infiltrazioni nel tessuto economico

L’attività investigativa avrebbe consentito di documentare, l’operatività, gli assetti gerarchici interni e le attività criminali della locale di ‘ndrangheta, secondo gli inquirenti “in posizione di sovra-ordinazione” rispetto ad altre realtà criminali, “seppure territorialmente contigue o con esso interferenti”. La cosca, in sostanza, si sarebbe infiltrata nel tessuto economico e sociale dell’area cirotana attraverso “un radicale controllo mafioso” degli apparati imprenditoriali della produzione e commercio di pane, della vendita del pescato, del vino e dei prodotti alimentari tipici, nonché nel settore della raccolta e riciclo sia di materie plastiche sia di Rsu. Un’indagine che avrebbe delineato il quadro complessivo degli interessi illeciti gestiti dal clan in ambito nazionale e estero, verificando anche la disponibilità di ingenti risorse finanziarie, che sarebbero state reimpiegate in numerose iniziative imprenditoriali e commerciali nel Nord-Italia e in Germania. L’assetto del sodalizio sarebbe stato l’espressione delle direttive impartite da Giuseppe Farao “orientato a privilegiare lo sviluppo imprenditoriale della cosca, affidato ai propri figli e nipoti e sviluppato attraverso il reperimento di nuovi e sempre più remunerativi canali di investimento economico, limitando al massimo il ricorso ad azioni violente ed evitando gli scontri interni ritenuti pregiudizievoli per la conduzione degli affari”. Il controllo mafioso del territorio sarebbe stato invece demandato ad una serie di “reggenti”, fedelissimi del capo cosca.

Il collegio difensivo

Gli avvocati difensori, nel cui nutrito collegio compaiono i nomi di Salvatore Staiano; Vincenzo Cicino; Pietro Pitari; Gregorio Viscomi; Antonio Anania; Luigi Scaramuzzino; Sergio Rotundo; Pasqualino Capalbo; Gianni Russano; Lucia Miranda; Pierluigi Spadafora; Mario Bombardiere; Antonietta Denicolò Gigliotti; Marcello Bombardiere; Gerardo Giuseppe Perillo e Mariano Salerno, tenteranno di smontare le ipotesi accusatorie, ribaltando il verdetto di primo grado.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Sinfonica, i grandi solisti della Scala di Milano al Politeama di Catanzaro

Mirko

Regionali, Pci e Rifondazione: elezioni subito, la Calabria ha bisogno di cambiare

bruno mirante

L’ avv. Pittelli e il manoscritto: “Non c’è riferimento a Rinascita Scott”

nico de luca
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content