Strage di migranti a Cutro: “Questa è una storia di uomini e non di numeri”

Di Graziella Viscomi, sostituto procuratore della Procura di Catanzaro e membro del coordinamento nazionale di Area democratica per la giustizia

di Graziella Viscomi* – “Nessuno mette i suoi figli su una barca a meno che l’acqua non sia più sicura della terra” (Warsan Shire). Nella notte fra il 25 ed il 26 febbraio 2023 un peschereccio carico di migranti naufragava al largo delle coste di Steccato di Cutro. La bellezza selvaggia delle spiagge calabresi si scontrava duramente con le immagini devastanti dei tanti cadaveri distesi sulla costa: provenivano dal Pakistan, Afghanistan, Sri Lanka, Siria, Tunisia. Per giorni il mare continuò a restituire corpi di donne, bambini, giovani uomini. E non c’è modo di sapere se la conta è finita.

Circa centottanta i passeggeri e novantaquattro le vittime accertate; di qualcuna ancora non si conosce l’identità. All’inizio furono catalogati con i numeri: salma 1, salma, 2, salma 3… Ma questa è una storia di uomini e non di numeri. Di Sajad, Mina, Fereshthe…

Circa centottanta i passeggeri e novantaquattro le vittime accertate; di qualcuna ancora non si conosce l’identità. All’inizio furono catalogati con i numeri: salma 1, salma, 2, salma 3… Ma questa è una storia di uomini e non di numeri. Di Sajad, Mina, Fereshthe…

Ognuna delle persone a bordo di quel caicco era una storia diversa, ma tutte accomunate dalla disperazione e dalla speranza al tempo stesso: la disperazione delle guerre, della povertà, delle discriminazioni da cui quegli esseri umani scappavano, da un lato, la speranza di una vita diversa, dall’altro. Una vita nuova per sé, per i propri figli, quei bambini, fra loro anche un neonato, che avevano diritto al sogno semplice, ma immenso, di una vita normale.

Il naufragio di Cutro è anche la storia dei tanti pescatori che accorsero sulla spiaggia nel tentativo di salvare più vite umane possibile, la storia del Palamilone, un palazzetto dello sport adibito a grande camera ardente ed obitorio nella caotica direzione di una tragedia così grande in cui tutti erano impreparati, la storia di familiari giunti da ogni parte del mondo a riconoscere i propri cari, spesso aiutati da volontari del posto ed organizzazioni internazionali nell’incredibile e doloroso disagio della gestione, anche burocratica della morte.

Il nostro pensiero va oggi a tutti i naufraghi ed alle vittime delle carrette del mare. E va soprattutto a KR16M0 (Crotone, sedicesima vittima recuperata, maschio, 0 anni), il neonato senza nome, sepolto a Crotone poiché non reclamato, simbolo della solitudine della più grande disperazione.

* Graziella Viscomi è sostituto procuratore della Procura di Catanzaro e membro del coordinamento nazionale di Area democratica per la giustizia.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
Un evento che ha riunito i congregari presenti, finalizzato all’approvazione dei documenti contabili dell'associazione
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved