Studentesse molestate a Trebisacce, prof respinge ogni accusa

Gli episodi di molestie consumatisi tra il 2018 e il 2022 erano stati riferiti da circa 20 minorenni. Per il docente si sarebbe trattato di franteindimenti

Nega di aver molestato le proprie studentesse minorenni. Il prof di Trebisacce si professa innocente. Posto agli arresti domiciliari nei giorni scorsi (LEGGI QUI), è stato ascoltato dal gip di Castrovillari affermando di essere stato franteiso nei suoi intenti. Nel corso dell’interrogatorio di garanzia il docente dell’Ipsia Aletti di Trebisacce ha risposto alle domande del gip Lelio Festa respingendo ogni accusa. Gli episodi di molestie consumatisi tra il 2018 e il 2022 erano stati riferiti da circa 20 minorenni, prima alla preside della scuola (che avviò un’indagine interna con relativo dossier presentato al Miur) e poi ai magistrati della Procura di Castrovillari, le quali raccontano di una serie di ammiccamenti e apprezzamenti imbarazzanti. Frasi, secondo l’indagato, frutto di maliziosi malintesi. Il docente intanto a stretto giro presenterà ricorso al Tribunale della Riesame per ottenere la revoca degli arresti domiciliari.

 

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Chiamati a raccolta in città i catanzaresi che non potranno seguire la loro squadra del cuore in trasferta
La donna aveva trascinato l'ex coniuge in tribunale perché non pagava gli alimenti . Ottenuti i danni morali
A renderlo noto è il sottosegretario all’Interno Wanda Ferro. Per altre importanti chiese si stanno valutando altre fonti di finanziamento
"La partita di sabato prossimo sarà un’altra occasione per confermare il meraviglioso percorso realizzato da Vivarini, Iemmello e compagni"
Tre gli incontri sul territorio per il deputato già vice Ministro dell’Interno che sarà in provincia di Cosenza il prossimo giovedì 23 Maggio
I carabinieri hanno trovato in un fondo agricolo di proprietà dell'uomo 37 cani, 5 dei quali sprovvisti di iscrizione all'anagrafe canina
Il fatto è accaduto a Settingiano. L'esplosione probabilmente è stata causata da una fuga di gas. Sul posto Vigili del fuoco e carabinieri
Accolta la richiesta difensiva. Per i giudici di appello "non esiste la pericolosità sociale". Dimostrata la non appartenenza al sodalizio
Il documento firmato dal presidente della Giunta Regionale Occhiuto e dal comandante regionale della Guardia di Finanza Gianluigi D’Alfonso
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved