Studenti presi a manganellate a Pisa, Mattarella: “Fallimento delle Forze dell’Ordine”

Il presidente della Repubblica ha telefonato al ministro Piantedosi: “Assicurare sicurezza tutelando, al contempo, la libertà di manifestare"

“Con i ragazzi i manganelli esprimono un fallimento”. I presidente Sergio Mattarella vede le immagini delle cariche della Polizia contro gli studenti a Pisa e alza la cornetta per chiamare il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi. Troppi gli episodi di questi ultimi mesi, in cui si è passati direttamente alla repressione, senza tentare la strada del dialogo davanti a manifestazioni non particolarmente pericolose. Non è una telefonata inusuale, il rapporto con Piantedosi è di lunga data, semmai è più inusuale che il richiamo del capo dello Stato venga reso pubblico.

Ma certe braci è meglio spegnerle subito, prima che divampino. Per questo Mattarella ha espresso solidarietà a Giorgia Meloni, oggetto di insulti e di gesti simbolici ma non per questo meno violenti, e oggi chiede alle forze dell’ordine di usare più prevenzione e meno manganelli. Una linea che, peraltro, è stata condivisa da Piantedosi.

Ma certe braci è meglio spegnerle subito, prima che divampino. Per questo Mattarella ha espresso solidarietà a Giorgia Meloni, oggetto di insulti e di gesti simbolici ma non per questo meno violenti, e oggi chiede alle forze dell’ordine di usare più prevenzione e meno manganelli. Una linea che, peraltro, è stata condivisa da Piantedosi.

“Il Presidente della Repubblica – si legge nel comunicato del Quirinale – ha fatto presente al Ministro dell’Interno, trovandone condivisione, che l’autorevolezza delle Forze dell’Ordine non si misura sui manganelli ma sulla capacità di assicurare sicurezza tutelando, al contempo, la libertà di manifestare pubblicamente opinioni. Con i ragazzi i manganelli esprimono un fallimento”. Poche righe, nette, per difendere un principio, quello della libertà di manifestare e di esprimersi, seppure garantendo la sicurezza. La forza, se proprio necessario, deve essere l’extrema ratio, prima lo Stato deve mettere in campo altri strumenti, la diplomazia, la persuasione: nelle manifestazioni c’è sempre un momento in cui si avvia una trattativa.

Nessun retroscena, spiegano al Quirinale, il tema non è legato alla contingenza politica ma alle basi della convivenza civile. Siamo alla vigilia di una competizione elettorale, le elezioni europee, che per Mattarella rivestono una importanza strategica, si deve discutere del ruolo dell’Europa in un mondo sempre più in fiamme. La campagna elettorale deve essere concentrata su questo, sul confronto delle idee, non deve essere rovinata da un clima violento.

E quindi ieri il capo dello Stato ha chiesto che cessino “insulti, volgarità di linguaggio” ed “effigi bruciate o vilipese della stessa Presidente del Consiglio”, e oggi chiede ai rappresentanti dello Stato di non cedere alla logica della violenza. Le manifestazioni, quando non sono pericolose, vanno gestite, non represse. Ieri la preoccupazione era per “la dignità della politica” travolta da una inutile aggressività, oggi la preoccupazione è che gli eccessi di uso della forza minino “l’autorevolezza” delle forze dell’ordine. L’invito, a tutti, è a smorzare i toni e a evitare di infiammare gli animi, anche se nel dibattito che è seguito alle parole del Presidente non tutti sembrano aver compreso appieno il messaggio, perchè in gioco ci sono i valori più alti della Repubblica: la libertà’, la convivenza, la democrazia.

Il ministro dell’Interno incontra lunedì i leader sindacali. Giani: “Si faccia un esame di coscienza”. A Pisa gli studenti chiedono le dimissioni del Questore. Molteni invita la sinistra “a non criminalizzare gli agenti e ad abbassare i toni”

Piantedosi lunedì incontra i leader sindacali

Il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi ha avuto una serie di contatti telefonici con i leader sindacali per fissare un incontro che si terra’ nella giornata di lunedì. La conferma arriva dal Viminale. All’ordine del giorno gli scontri avvenuti in occasione di alcune manifestazioni. Il leader della Cgil, Maurizio Landini, ha chiesto un incontro “in tempi rapidi” con il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi in seguito agli scontri tra le forze dell’ordine e gli studenti avvenuti in occasione di alcune manifestazioni, esprimendo “disapprovazione e preoccupazione democratica”. (AGI)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel corso dell'incontro sarà presentato il dossier elaborato dai circoli locali di Legambiente basato sulla campagna di monitoraggio effettuata su alcune aste fluviali
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved