Calabria7

Stuprata prostituta, colpevole scoperto grazie al Dna

rapina reggino

Da una traccia sui vestiti della prostituta stuprata è stata provata la corrispondenza con l’aggressore e colpevole dello stupro

Dieci anni dopo la violenza, i carabinieri hanno incastrato grazie al Dna l’uomo che nel 2010 avrebbe aggredito, stuprato e rapinato una prostituta lungo la Paullese, alle porte di Pandino, nel Cremonese. Nei guai è finito un 41enne di origine albanese, residente in provincia di Como, con precedenti di polizia: è stato denunciato alla Procura della repubblica di Cremona per sequestro di persona, violenza sessuale, rapina aggravata e lesioni personali. I fatti: nel 2010, la prostituta, di nazionalità romena, era stata costretta a salire a bordo dell’auto, picchiata, obbligata ad un rapporto sessuale e derubata. I carabinieri, all’epoca, erano riusciti a prelevare materiale biologico dell’aggressore sui vestiti della ragazza e quel profilo genetico, acquisito e subito trasmesso alla banca dati ma rimasto ignoto per anni, si è rivelato decisivo ora. Sono stati gli specialisti del Ris di Parma a trovare corrispondenza fra il materiale e il Dna del 41enne albanese.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Coronavirus, in fin di vita anche ex portiere Barcellona

Danilo Colacino

Cade spinto dal vento e sbatte a terra con la testa, è gravissimo

Andrea Marino

F1, anche a Singapore è trionfo Ferrari

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content