Sub muore a Pizzo durante un’immersione, il corpo ritrovato dal fratello

Un uomo è morto a seguito di un malore avvertito mentre stava facendo attività amatoriale di pesca subacquea

Un uomo è morto ieri sera a seguito di un malore avvertito mentre stava facendo attività amatoriale di pesca subacquea. Si chiamava Giorgio Ceravolo, 58 anni, e ieri notte si era immerso nello specchio d’acqua antistante la stazione ferroviaria di Pizzo Calabro. Ad un certo punto, però, non è più riemerso verosimilmente e questo ha fatto scattare le ricerche da parte dei presenti rese, però, molto difficoltose dalla scarsità di luce.

Il corpo del sub ritrovato dal fratello

Il corpo del sub ritrovato dal fratello

È stato il fratello dell’uomo, qualche minuto dopo, a notare una sagoma in mare capendo che era quella del germano. Subito portato a riva però per il 58enne non c’è stato nulla da fare per come hanno constatato i medici del 118 giunti sul posto nel frattempo, unitamente al personale della capitaneria di porto. Il quartiere si è subito affollato di gente una volta appresa la notizia. (f.p.)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Già in passato si erano verificati episodi simili ai danni dell’imprenditrice. Coldiretti Calabria: "Un vile atto e un gesto inqualificabile" 
Per l’8 Marzo la città ospita il cartellone "Il senso delle donne”, sostenuto dal Comune in collaborazione con le associazioni del territorio
Il gruppo provinciale per l’Ordine e la sicurezza pubblica si è riunito con la presenza della sottosegretaria all’Interno Wanda Ferro, tra altri
Le segreterie nazionali: “Riduzione preoccupante delle attività. La situazione sta degenerando in tutti i territori interessati, inclusa la Calabria”
Il caso
Dopo la vergognosa guerriglia post-derby le due Questure facciano subito luce su quanto accaduto. Ancora si attendono i Daspo dell’andata
A Lamezia Terme, il segretario generale del sindacato ha partecipato insieme a Roberto Occhiuto a un'iniziativa sullo sviluppo del Mezzogiorno
L’uomo, un assistente capo coordinatore 55enne, è morto nella sua abitazione mentre era libero dal servizio
Approvata anche la delibera che amplifica l’accesso dei soggetti fragili non autosufficienti ai servizi di assistenza semi residenziale
Il cadavere dell'uomo, vittima di lupara bianca, fu seppellito nel 2017 nei boschi di Ariola, dove fu rinvenuto nel 2020
Scongiurati ulteriori disagi, le scuole rimaste chiuse oggi nelle aree interessate dai lavori, saranno regolarmente aperte domani
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved