Tappezza i muri con le foto hot della ex e diffonde il suo numero di telefono

L'uomo, un 44enne ora indagato per stalking e revenge porn, ha reso noti anche nome, cognome, indicazione del profilo Instagram e indirizzo del luogo di lavoro della donna

Cinisello Balsamo (Milano), un uomo di 44 anni, che vive in provincia di Como, ha tappezzato i muri presenti nelle vicinanze della casa della ex fidanzata con volantini hot che ritraevano proprio quest’ultima. Sui manifesti ha inoltre indicato nome e cognome, numero di telefono, indicazione del profilo Instagram e indirizzo del luogo di lavoro della donna, una 40enne, nonché riferimenti e frasi volgari indirizzate a lei. Il 44enne è ora indagato per stalking e revenge porn. La vicenda è riportata dal Corriere Milano, il quale aggiunge che, nei giorni scorsi, l’uomo è stato raggiunto da un “provvedimento restrittivo della magistratura di Monza, che gli impone l’obbligo di firma quotidiano nel suo comune di residenza e il divieto di avvicinamento alla sua ex”. 

Sempre stando al Corriere, che cita la ricostruzione dei carabinieri di Cinisello, il 44enne e la vittima hanno avuto una relazione che però poi è finita male. In particolare, l’uomo avrebbe promesso alla donna di “fargliela pagare”. Nel dicembre 2023, la 40enne ha presentato denuncia perché riceveva telefonate “mute” e anonime. Ha, inoltre, subito danni alla macchina e trovato un biglietto di insulti sessisti sul parabrezza. A breve distanza da quegli episodi, sono arrivati i volantini, che, secondo le indagini, sarebbero dei fotogrammi estrapolati da un video di un rapporto sessuale tra la ex coppia (forse girato dall’indagato senza che la vittima lo sapesse). Nelle immagini, esposte in strada il 16 e il 17 febbraio, si vedeva solo la figura della donna e non quella del 44enne.

Sempre stando al Corriere, che cita la ricostruzione dei carabinieri di Cinisello, il 44enne e la vittima hanno avuto una relazione che però poi è finita male. In particolare, l’uomo avrebbe promesso alla donna di “fargliela pagare”. Nel dicembre 2023, la 40enne ha presentato denuncia perché riceveva telefonate “mute” e anonime. Ha, inoltre, subito danni alla macchina e trovato un biglietto di insulti sessisti sul parabrezza. A breve distanza da quegli episodi, sono arrivati i volantini, che, secondo le indagini, sarebbero dei fotogrammi estrapolati da un video di un rapporto sessuale tra la ex coppia (forse girato dall’indagato senza che la vittima lo sapesse). Nelle immagini, esposte in strada il 16 e il 17 febbraio, si vedeva solo la figura della donna e non quella del 44enne.

Ad avvisare la 40enne dei volantini è stata una passante, che non conosceva la vittima. Le indagini dei carabinieri di Cinisello hanno poi raccolto diversi elementi che riportavano al 44enne: “i transiti in entrata e in uscita della sua vettura nel comune dell’hinterland, i tabulati telefonici, e soprattutto il controllo effettuato nei suoi confronti il 12 marzo scorso, quando è stato scoperto, in prossimità di casa della ex, con una serie di ulteriori ritagli dello stesso tenore, custoditi in una busta”, spiega il Corriere. 

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved