Tasse, prescrizione dopo 5 anni: ecco quando può essere “breve”

In genere avviene dopo 10 anni, ma ci sono anche casi in cui interviene prima: in quali casi succede
tasse

Generalmente la prescrizione delle tasse avviene dopo 10 anni, ma ci sono anche casi in cui interviene quella che è definita “prescrizione breve”. La prescrizione è un istituto che prevede l’estinzione del diritto a riscuotere il credito vantato se lo stesso non viene esercitato entro un determinato lasso di tempo.

Tasse e prescrizione breve

Tasse e prescrizione breve

La prescrizione breve è una sorta di eccezione alla regola generale che vede alcune tipologie di debiti prescriversi in 5 anni invece che il 10. In entrambi i casi il decorrere dei termini di prescrizione deve essere conteggiato dal 1° gennaio dell’anno successivo a quello in cui l’importo doveva essere originariamente versato. Trascorso questo lasso di tempo le tasse e le imposte non devono più essere versate. La cosa interessante da notare è che, sia per la prescrizione in 10 anni che per quella in 5, il termine di annullamento delle relative cartelle esattoriali è lo stesso, ovvero segue la prescrizione del tributo che genera l’avviso di pagamento. In questo caso la decorrenza inizia dal giorno successivo a quello in cui la cartella è stata notificata al contribuente.

Per quali tasse c’è la prescrizione breve

Le tasse e le imposte che possono avere termini di prescrizione breve, in cinque anni, sono tutte quelle esigibili da Comuni, Regioni e Province. Si tratta di tutti i balzelli dovuti agli enti locali, ovvero:

● Imu;

● Tari;

● Icp (Imposta Comunale sulla pubblicità);

● tassa di soggiorno;

● sanzioni amministrative;

● Tosap, sanzioni penali;

● multe stradali.

Sempre lo stesso termine di prescrizione è previsto anche per i contributi previdenziali dovuti all’Inps e all’Inail.

In tutti i casi in cui venga richiesto il pagamento di questi tributi e contributi va ricordato che la prescrizione interviene in cinque anni. Si tratta di una informazione fondamentale per il contribuente, visto che l’annullamento del diritto di pretendere il pagamento per il superamento dei termini in cui sono esigibili non interviene in modo automatico, ma è un diritto che il contribuente deve esercitare su richiesta. Una volta che per un debito prescritto viene richiesto il pagamento, il contribuente deve presentare un ricorso in autotutela o, in alternativa ricorrere alle vie legali. (Adnkronos)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel corso dell'incontro sarà presentato il dossier elaborato dai circoli locali di Legambiente basato sulla campagna di monitoraggio effettuata su alcune aste fluviali
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved