Taurus, ‘ndrangheta ed estorsione nel Crotonese: dieci condanne. C’è anche un poliziotto (NOMI)

Tre le assoluzioni sentenziate dal gup del Tribunale di Catanzaro. Ridimensionato l'impianto accusatorio: crollata l'aggravante mafiosa
inchiesta reset

di Gabriella Passariello-  Dieci condanne e tre assoluzioni per  i 13 imputati giudicati con rito abbreviato, coinvolti nell’inchiesta Taurus, che punta a far luce, su un giro di usura, estorsione, truffa all’eolico e presunte vendite pilotate di immobili pignorati con la regia occulta dei Grande Aracri di Cutro. Un blitz che ad ottobre dell’anno scorso aveva portato all’esecuzione di cinque arresti, in un’attività investigativa della Guardia di finanza che si è focalizzata su cinque procedure esecutive dalle quali sarebbero emerse le manovre illegali di alcuni imputati che grazie ai legami con le maggiori ‘ndrine della provincia di Crotone, dai Megna di Papanice, ai Grande Aracri di Cutro, gli Arena di Isola Capo Rizzuto, ai Mannolo di San Leonardo di Cutro, sarebbero riusciti a far riavere i beni requisiti ai proprietari originari.

Le condanne inflitte dal gup e le richieste di pena della Dda

Le condanne inflitte dal gup e le richieste di pena della Dda

Il gup del Tribunale di Catanzaro Antonio Battaglia ha ridimensionato l’impianto accusatorio della Dda di Catanzaro escludendo l’aggravante della mafiosità, riducendo le pene rispetto alle richieste formulate in aula dalla pubblica accusa. In particolare il  giudice ha condannato Antonio Lia, di Catanzaro,  a 1 anno e 4 mesi, assolvendolo da uno dei due capi di accusa relativo all’accesso abusivo perché il fatto non sussiste (il pm ha invocato 2 anni di reclusione); inflitti ad Antonio Franco di Isola Capo Rizzuto 1 anno, 8 mesi e 4mila euro di multa esclusa l’aggravante mafiosa (il pubblico ministero ha invocato 4 anni e 6mila di multa); Giuseppe Germinara, di Savelli, condannato ad un 1 anno e 6 mesi (il pm 2 anni di reclusione); Antonio Grande, di Isola Capo Rizzuto condannato a 3 anni, 8 mesi, e mille euro di multa, con esclusione dell’aggravante mafiosa (il pm 6 anni, 8 mesi e 20mila euro di multa); Domenico Grande, di Crotone 2 anni, 6 mesi e mille euro di multa con esclusione dell’aggravante mafiosa (il pm 4 anni e 14mila di multa); Salvatore Lorenzano, di Cutro 3 anni, 8 mesi e mille euro di multa con esclusione aggravante mafiosa  (il pm 9 anni e 3mila euro di multa); Maria Russo, di Botricello, 8 mesi e 2mila euro di multa (il pm 2 anni e 2mila euro di multa); Giuseppe Turrà, di Cutro, 5 anni, 4 mesi di reclusione e 1400 euro di multa con esclusione dell’aggravante mafiosa (il pm 12 anni e 2mila euro di multa).

Le assoluzioni

Il gup ha inoltre assolto per non aver commesso il fatto Rosario Caracciolo, di Cropani, (il pm ha chiesto 2 anni e 140 euro di multa); Rocco De Vona, di Crotone (il pm ha invocato 3 anni e 200 euro di multa); Raffaela Lavigna, di Crotone (il pm 1 anno, 6 mesi  e 300 euro di multa) con la formula perché il fatto non sussiste. Altri 18 imputati sono già stati rinviati a giudizio e per loro è in corso l’udienza dibattimentale (LEGGI QUI). 

L’ avvocato e il  poliziotto “complici”

Secondo le ipotesi di accusa, su richiesta del legale Spina, (già rinviata a giudizio) il poliziotto Antonio Lia, 55 anni, di Catanzaro avrebbe indotto due suoi colleghi dello stesso ufficio (all’oscuro delle reali ragioni) “a effettuare interrogazioni alle banche dati in uso alla Polizia di Stato” nei confronti di sei persone, alcune delle quali oggi finite nel calderone dell’inchiesta. Secondo gli inquirenti l’obiettivo sarebbe stato quello di verificare la presenza di informazioni nello Sdi del Ministero dell’Interno. I fatti contestati dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro guidata da Nicola Gratteri si sarebbero verificati tra il 9 gennaio e il 24 maggio del 2019. Nella prima circostanza, Lia, in qualità di ufficiale della polizia giudiziaria, su richiesta dell’avvocato Palma Spina, simulando “finalità istituzionali” per giustificare la verifica, avrebbe indotto un assistente capo in servizio nel suo stesso ufficio a effettuare interrogazioni alle banche dati in uso alla Polizia di Stato nei confronti, tra gli altri, di Laura e Giuseppe Gigliarano. La stessa cosa si sarebbe verificata nel maggio del 2019 con un sovrintendente della Polizia di Stato (anche lui ignaro di tutto) indotto a chiedere informazioni nei confronti di una terza persona. Fatti aggravati dall’essere stati commessi da un pubblico ufficiale sul sistema informatico di interesse pubblico (LEGGI).

Turbata libertà degli incanti

L’avvocato Palma Spina risulta imputata, insieme a Cesare Curatola e Francesco Rondinelli, di turbata libertà degli incanti, trasferimento fraudolento di valori e tentata estorsione in relazione a una procedura immobiliare del Tribunale di Crotone avente per oggetto una porzione di fabbricato a due piani fuori terra destinato ad albergo e ristorante e ubicato nella frazione Le Castella di Isola Capo Rizzuto.

L’operazione “Taurus” e gli arresti

Ad ottobre dell’anno scorso con l’accusa, a vario titolo, di usura aggravata dalle modalità mafiose, estorsione e abusivismo finanziario erano stati arrestati Giuseppe Turrà, di Cutro, imprenditore agricolo; Domenico Grande, di Crotone, commerciante al dettaglio; Salvatore Lorenzano, di Crotone, dipendente di cantieri edili; Antonio Franco, di Isola Capo Rizzuto, dipendente in una cooperativa di pesca e Antonio Grande di Cutro, piccolo imprenditore agricolo, padre di Domenico. Gli ultimi tre erano finiti ai domiciliari. Secondo quanto ricostruito dalla Finanza i cinque avrebbero concesso 100mila euro a cinque piccoli imprenditori locali operanti nel settore edile e nel commercio al dettaglio ottenendo, anche con minacce e pressioni psicologiche, vantaggi economici per oltre 75mila euro. In un caso, per un prestito di 5mila euro, sarebbero stati corrisposti, in 5 anni, interessi per 30mila euro.

Il collegio difensivo

Tra gli avvocati impegnati nel processo compaiono i nomi dei legali Giuseppe Pignanelli, Gregorio Viscomi,  Luigi Falcone Alessandro Guerriero, Salvatore Iannone e Tiziano Saporito.

LEGGI ANCHE | Taurus, ‘ndrangheta nel Crotonese: 18 a giudizio. C’è anche un avvocato(NOMI)

LEGGI ANCHE | Inchiesta sull’eolico nel Crotonese, chiesti 31 rinvii a giudizio. Ci sono un avvocato e un poliziotto

LEGGI ANCHE | Inchiesta sull’eolico nel Crotonese, emergono nuove accuse e gli indagati salgono a 32 (NOMI)

LEGGI ANCHE | Accesso abusivo alle banche dati, indagati un poliziotto e un avvocato di Catanzaro

LEGGI ANCHE |Prestiti usurai a imprenditori in difficoltà, cinque arresti tra Catanzaro e Crotone

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il cadavere dell'uomo, vittima di lupara bianca, fu seppellito nel 2017 nei boschi di Ariola, dove fu rinvenuto nel 2020
Scongiurati ulteriori disagi, le scuole rimaste chiuse oggi nelle aree interessate dai lavori, saranno regolarmente aperte domani
scirocco
La strategia della famiglia Minieri per abbattere i costi e aumentare i profitti sversando i rifiuti anche in mare
"Si sta raccontando una bugia. Quelle risorse e quei soldi oggi vanno spesi per dare gli ospedali e le cure alle persone che non ce li hanno"
L’iniziativa prende lo spunto dall’esaltante traguardo raggiunto dal primario Vincenzo James Greco che ha superato quota 1000 interventi di chirurgia laparoscopica colorettale
La squadra vibonese è stata attaccata in un ristorante prima della partita contro il Guardavalle capolista. Il big match è stato annullato
"La mia Giunta continuerà a vigilare e a investire sul miglioramento del sistema depurativo dei nostri Comuni e sulla tutela del nostro patrimonio naturale"
"Il mio appello - ha detto il sindaco di Catanzaro - è rivolto a tutte le tifoserie calabresi: isolate i violenti e i facinorosi"
Il pugno di ferro usato dalla Procura di Catanzaro è suonato come un campanello d’allarme per coloro che gestiscono il ciclo depurativo calabrese
Tutte le bottiglie sono andate esaurite durante la presentazione a Cosenza, nella sede dell'Ais con la presidente nazionale Daniela Mastroberardino
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved