Tenta di rubare una piastra, ma viene scoperta e ricattata: “Fai sesso con me o ti denuncio”

Una volta scoperta, per una giovane di 29 anni è iniziato un vero e proprio incubo durato diverse settimane
piastra

La guardia giurata l’avrebbe sorpresa mentre stava rubando una piastra per capelli. Da qui, per una giovane di 29 anni, è iniziato un vero e proprio incubo durato diverse settimane. Il vigilante, infatti, l’avrebbe ricattata in cambio di soldi e rapporti sessuali. Il fatto è accaduto in un supermercato di Cremona.

Il tentato furto

Il tentato furto

La 29enne ha raccontato tutto alle forza dell’ordine. Secondo quanto è emerso, a fine agosto la donna avrebbe preso dallo scaffale del supermercato una piastra per capelli del valore di 50 euro. Invece di dirigersi verso le casse avrebbe tentato di uscire dal supermercato senza pagare. Le guardie giurate l’hanno, però, scoperta e condotta in una stanza. “Pago subito, sto cercando lavoro, se vengo denunciata non lo trovo più”, avrebbe detto la ragazza visibilmente spaventata all’addetto alla sicurezza, un uomo di 53 anni. Dopodiché avrebbe pagato i 50 euro dovuti e avrebbe lasciato il negozio. Mentre il vigilante stava eseguendo le operazioni avrebbe, però, conservato sia il documento d’identità sia il numero di cellulare della donna.

I ricatti: “Dì che vuoi sesso con me”

Il vigilante avrebbe quindi iniziato a ricattarla: “Ho tre mesi di tempo per denunciarti, ma stai tranquilla che la risolviamo in altro modo”, le avrebbe detto l’uomo al telefono. Verso la metà settembre, i due si sono nuovamente incontrati: nell’occasione, l’uomo l’avrebbe fatta salire all’interno della sua auto, le avrebbe spento il telefonino e l’avrebbe obbligata a risarcirlo dei 150 euro che secondo lui avrebbe dovuto spendere in viaggi per andare a giustificare il tentato furto non denunciato. Ma non è finita qui, perché il vigilante avrebbe addirittura costretto la donna a registrare un audio: “Ringraziami per il mio interessamento e dì che vuoi sesso con me”. La 29enne avrebbe eseguito tutti gli ordini del suo aguzzino e sarebbe tornata a casa sconvolta. Dopo aver raccontato l’accaduto alla madre si sarebbe convinta a denunciare tutto ai carabinieri.

Il vigilante ha continuato ad assillare la donna

Evidentemente, però, questo non è bastato, visto che il vigilante avrebbe continuato ad assillare la donna chiedendole un nuovo incontro, che c’è stato il 21 settembre, sempre in auto. Ad ascoltare le conversazioni dei due, però, c’erano anche i militari grazie a un secondo telefono nascosto dalla donna sotto il sedile. La guardia giurata ha chiesto altri 50 euro alla donna, imponendole un rapporto sessuale. Consegnati i soldi, la 29enne è scesa dalla macchina. Poco distante, però, c’erano i carabinieri, che hanno arrestato l’uomo per  estorsione, tentata violenza sessuale e violenza privata. Per lui si sono aperte le porte del carcere.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Interessati 5 mezzi, 3 dei quali sono stati completamente distrutti. Non si registrano danni a persone
La Procura aveva ottenuto il giudizio immediato per entrambi, ma poco prima dell'udienza gli imputati avevano chiesto il patteggiamento
Sul posto sono arrivati gli uomini della polizia, i quali hanno avviato le indagini
Le indagini sono condotte dai carabinieri che stanno cercando di ricostruire la dinamica dell’accaduto
Il piccolo aveva avuto un malore, poi è morto, ma i primi accertamenti dei medici non hanno consentito di accertarne le cause
Altri tre punti pesantissimi per i giallorossi, che salgono a +10 sulla prima esclusa dai playoff
I consiglieri regionali dem e Cambiavento hanno espresso soddisfazione per le elezioni che hanno portato per la prima volta una donna alla presidenza di quella Regione
Grande successo sulle passerelle milanesi per il designer cosentino, che ha omaggiato una grande icona di stile, Lady Diana
La coppia ha una figlia di 15 anni. Il corpo della vittima è stato trovato dalla propria madre, che ha avuto un malore sul momento
Il cittadino turco avrebbe rifiutato di chiedere aiuto e di prestare soccorso alle persone vulnerabili a bordo del caicco naufragato
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved