Calabria7

Tentata estorsione a coniugi a Reggio, la Cassazione conferma due condanne

La Corte di Cassazione ha confermato la condanna a 7 anni e 3 mesi di reclusione per Emanuele Quattrone e a 3 anni per Francesco Quattrone, comminata in primo e secondo grado dal tribunale e dalla corte d’appello di Reggio Calabria per il reato di tentata estorsione, aggravata anche dall’uso del metodo mafioso, ai danni dei coniugi Martino Parisi e Serenella Corrado, docenti e proprietari dell’Accademia di Musica Pentakaris, ubicata nel quartiere collinare di Gallina, a Reggio Calabria. I due coniugi si erano costituiti parti civili e sono stati difesi in tutti i gradi del giudizio dall’avvocato Andrea Alvaro. I due hanno vessato i due coniugi per estorcere cospicue somme di denaro quale corrispettivo per presunti lavori di completamento dell’edificio di residenza delle vittime. Minacce e intimidazioni erano state utilizzate per piegare le resistenze dei due.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Baglioni ha mal di gola, salta seconda serata a Reggio Calabria

manfredi

‘Ndrangheta, colpo ai clan Forastefano e Abruzzese: 17 arresti

Gabriella Passariello

Lo Squadrone Eliportato Cacciatori “Calabria” festeggia i suoi 30 anni

Maria Teresa Improta
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content