Tentata estorsione a imprenditore di Vibo, nuova assoluzione per Lo Bianco

Confermata dalla Corte d'appello di Catanzaro la sentenza emessa in primo grado dal Tribunale di Vibo. La Dda aveva chiesto 4 anni e 6 mesi di reclusione
Omicidio a Cassano

La seconda sezione penale della Corte d’appello di Catanzaro (presidente Caterina Capitò) ha assolto Nazzareno Lo Bianco, alias “Giacchetta” confermando la sentenza emessa in primo grado dal Tribunale di Vibo Valentia contro la quale aveva presentato ricorso la Procura distrettuale antimafia guidata da Nicola Gratteri.

Le presunte condotte estorsive

Le presunte condotte estorsive

Nazzareno Lo Bianco

Lo Bianco, 68 anni di Vibo Valentia, difeso dall’avvocato Francesco Sabatino era finito a processo per una serie di presunte condotte estorsive ai danni dell’imprenditore Salvatore Naccari, il quale secondo l’originaria ricostruzione dell’ufficio di Procura sarebbe stato escluso da alcuni lavori di tipo idraulico da effettuare in un’azienda vibonese. La Dda di Catanzaro aveva contestato all’imputato anche l’aggravante mafiosa perché ritenuto intraneo cosca Lo Bianco per come sostenuto dal collaboratore di giustizia Andrea Mantella.

Confermata la sentenza assolutoria di primo grado

Contro la sentenza assolutoria del Tribunale di Vibo Valentia, la Procura ha proposto appello ottenendo la rinnovazione del dibattimento al fine di sentire il teste Naccari e invocando una richiesta di condanna a 4 anni e 6 mesi di reclusione. L’avvocato Francesco Sabatino nella sua discussione ha contestato la ricostruzione investigativa e dunque l’assenza di qualsivoglia elemento a sostegno di una vicenda estorsiva aggravata dalle modalità mafiose. Argomentazioni che, alla luce del verdetto finale, sono state accolte dalla Corte d’Appello che ha confermato la sentenza di primo grado.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'uomo aveva 66 anni ed è ancora sconosciuto il motivo per cui abbia compiuto un tale gesto
Dal 28 settembre la funicolare riprenderà il suo regolare servizio, in anticipo rispetto alla data programmata del 2 ottobre
"Sulle politiche di immigrazione anche le regioni e i comuni possono avere un ruolo fondamentale. Occorre aprire un confronto istituzionale"
E' quanto deciso dalla Corte d'appello di Roma nei confronti di un cittadino cinese sul quale pendeva un mandato d'arresto internazionale
Un incontro tra passato, presente e futuro, quello che ha visto protagonista l'attrice catanzarese Elena Gigliotti al Teatro Comunale
I lavoratori sono in sciopero per la procedura di licenziamento collettivo che prevede 28 esuberi, tra cui 15 giornalisti e 13 grafici
L’incontro vuole approfondire le tematiche relative ai bonus fiscali, il cui futuro è collegato all’iter di approvazione della Legge di Bilancio 2024
Annullate su richiesta dell'avvocato Tommaso Zavaglia altre due ordinanze di custodia cautelare. Ecco di chi si tratta
Finora le loro fatiche dolciarie non erano mai state esposte alla curiosità della cittadinanza, la Notte Piccante è stata il loro "battesimo"
Con l’atto dell’avvocato Pitaro si chiede di sapere se sia stata data tempestiva e corretta e puntuale esecuzione al punto 15.5 del Protocollo d’Intesa
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved