Tentata estorsione, prosciolti in appello l’ex presidente della Camera di Commercio di Vibo e il fratello

La Corte d'appello di Catanzaro cancella l'aggravante mafiosa e assolve i due imputati condannati in primo grado e accusati anche di turbativa d'asta
estorsione aggravata dal metodo mafioso

La Corte di Appello di Catanzaro, accogliendo l’appello proposto dall’avvocato Salvatore Sorbilli, ha prosciolto Antonio Catania, 48 anni, già presidente della Camera di Commercio di Vibo Valentia, e il fratello Luca Catania dai reati di tentata estorsione e turbativa d’asta, entrambi aggravati dalle modalità mafiose.

Le ipotesi accusatorie

Gli imputati erano stati condannati in primo grado dal Tribunale collegiale di Vibo Valentia, in quanto, secondo l’accusa, sostenuta dal pm della Dda di Catanzaro, Annamaria Frustaci, gli stessi avrebbero posto in essere una serie di minacce e ritorsioni al fine di indurre gli aggiudicatari ad abbandonare l’asta pubblica relativa alla vendita di un immobile presso il Tribunale di Vibo Valentia, “per impedirne l’aggiudicazione, allontanando gli offerenti” così da conseguire un “indebito profitto derivante dal fatto che, successivamente, l’ulteriore ribasso del prezzo di vendita avrebbe consentito loro di rientrare in possesso dell’abitazione a condizioni economicamente più vantaggiose”.
In particolare, i due fratelli Catania, nel porre in essere le minacce e ritorsioni, secondo quanto indicato in sentenza dal Tribunale, avrebbero evocato l’intervento di soggetti legati alla criminalità organizzata locale, “sfruttando la vicinanza di alcuni componenti della famiglia Catania alla cosca Lo Bianco-Barba di Vibo Valentia”.

Il verdetto della Corte d’appello di Catanzaro

La Corte d’appello di Catanzaro, in accoglimento dei motivi esposti dall’avvocato Sorbilli, ha invece escluso la sussistenza dell’aggravante mafiosa ed ha perciò prosciolto gli imputati dalle accuse di tentata estorsione e turbativa d’asta, dichiarando l’estinzione degli stessi. Va ricordato che Antonio Catania, all’indomani della condanna di primo grado, si era dimesso dalla carica di presidente della Camera di Commercio di Vibo Valentia, per ragioni di opportunità, annunciando però sin da subito di voler appellare la sentenza di condanna e dichiarando pertanto di confidare nella giustizia. “La sentenza di assoluzione pronunciata dalla Corte d’appello di Catanzaro, ha reso giustizia ai fratelli Catania, restituendo loro – afferma in una nota l’avvocato Sorbilli – dignità, onore e reputazione e soprattutto quella serenità personale e familiare, che la condanna di primo grado aveva invece compromesso”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel corso dell'incontro sarà presentato il dossier elaborato dai circoli locali di Legambiente basato sulla campagna di monitoraggio effettuata su alcune aste fluviali
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved