Calabria7

Tentato omicidio nel Vibonese, svolta nelle indagini: tre arresti (NOMI-VIDEO)

I Carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Serra San Bruno, unitamente al personale delle Stazioni di Vazzano e Arena, hanno eseguito un provvedimento cautelare in carcere emesso dal gip del Tribunale di Vibo Valentia, Mario Miele, su richiesta della Procura della Repubblica di Vibo Valentia, a firma del procuratore della Repubblica Camillo Falvo e del sostituto Corrado Caputo, nei confronti di tre soggetti per il reato di tentato omicidio e porto abusivo di armi illegalmente detenute.

I nomi dei tre arrestati

I fatti risalgono alla serata del 25 giugno 2020, quando, alle ore 21:00 circa, giungeva una chiamata al numero di emergenza 112. Il soggetto comunicava che, mentre stava percorrendo una strada provinciale con la sua autovettura, aveva sentito colpi d’arma da fuoco, per poi scoprire, effettivamente, che era presente un foro sul retro del suo veicolo compatibile con un colpo d’arma da fuoco. Il soggetto, nel contempo, riferiva solo di essere agitato ma di non essere stato attinto dai proiettili. I militari della Compagnia di Serra San Bruno e della Stazione di Nardodipace, immediatamente intervenuti sul posto e precisamente nella frazione Cassari del comune di Nardodipace, sin da subito, grazie alle dichiarazioni della vittima e di altre persone informate sui fatti, hanno orientato l’attività investigativa nei confronti dei tre soggetti, odierni destinatari del provvedimento cautelare, che si identificano in Ilario Ieraci, 21enne; Damiano Ieraci, 19enne e Ilario Antonio Tassone, 18enne, tutti originari del luogo.

Il movente dell’agguato

L’attività investigativa svolta in seguito ha consentito di accertare il movente del delitto nell’interrotta relazione sentimentale tra la figlia della vittima e Ilario Ieraci individuato, tra l’altro, quale esecutore materiale dell’agguato. L’evento, verificatosi alle ore 20:30 circa in località Casello Rosso della frazione Cassari di Nardodipace, ha visto coinvolti Ilario Ieraci e Ilario Antonio Tassone, i quali si sarebbero appostati in una curva, tra alcuni alberi ivi presenti, al fine di esplodere 4 colpi di pistola al passaggio dell’autovettura obiettivo dell’agguato. Uno solo di questi colpi è andato a segno non colpendo, però, l’autista della macchina. I due, subito dopo l’evento, si sono dileguati a bordo di un veicolo Fiat Panda di proprietà della famiglia Ieraci e condotta da Damiano Ieraci, fratello di Ilario. Il quadro investigativo e le risultanze raccolte ed analizzate dagli inquirenti, hanno portato all’odierno provvedimento che ha disposto il carcere per i tre soggetti. L’attenzione della Procura della Repubblica di Vibo Valentia e dell’Arma dei Carabinieri ha portato alla misura cautelare in argomento fornendo una risposta sicura ed immediata ad un evento criminoso particolarmente grave che ha destato clamore nell’ambito del piccolo centro montano vibonese.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

“Cartellino Rosso”, stangata dell’Asp di Catanzaro per 55 dipendenti. Tre sospesi

Maurizio Santoro

Ponte Genova, Commissario blocca azienda calabrese

Mirko

Caos Sanità in Calabria, Gaudio rinuncia all’incarico

Giovanni Bevacqua
Click to Hide Advanced Floating Content