Terme Luigiane a rischio chiusura, appello a Spirlì: “Se non c’è acqua, non c’è lavoro” (VIDEO)

Sit-in di protesta davanti alla Cittadella regionale. I lavoratori spiegano i motivi della vertenza. Il blocco dell'erogazione dell'acqua potrebbe mandare in fumo oltre 250 posti di lavoro

Nuovo sit-in alla Cittadella, la sede della Regione Calabria. A protestare stavolta sono i lavoratori delle Terme Luigiane che, fermi da mesi, temono di perdere il posto di lavoro. Alla base della vertenza malfunzionamenti che riguardano sia l’aspetto burocratico che quello tecnico e che rischiano di avere conseguenze negative sul piano occupazionale. Il principale problema è dato dal blocco dell’erogazione dell’acqua, che potrebbe danneggiare irrimediabilmente la struttura termale alla vigilia della stagione estiva mentre si è ancora in attesa del nuovo bando che individui il gestore delle Terme Luigiane.

La preoccupazione dei dipendenti

La preoccupazione dei dipendenti

“Il tempo stringe, la pressione dell’acqua termale non è stata ripristinata e quindi siamo qui per capire quali saranno i passaggi concreti nei prossimi giorni, perché noi non abbiamo più tempo’’ afferma Valentina Pulsella, direttore delle strutture ricettive e del parco termale. “Noi – ribadisce Gerardo Calabria della Cisl di Cosenza – siamo qui perché il presidente Spirlì, che è l’unica persona che si sta impegnando per risolvere questa vertenza, ci aiuti a ripristinare l’acqua, perché senza il ripristino dell’acqua allo stabilimento delle terme non c’è lavoro”. Il Covid non un problema visto che all’interno della struttura, grazie anche alle misure di sicurezza adottate, non vi sono registrati contagi. Le Terme sono al centro di una controversia tra la Sateca, la società di gestione della struttura, e due Comuni, Acquappesa e Guardia Piemontese. “Riaprire significa ripristinare subito l’erogazione dell’acqua e senza questo passaggio – sottolinea Calabria – sarebbe inutile trovare un accordo con i Comuni. Gli stessi Comuni devono fare il loro dovere, fare una manifestazione di interesse per trovare un nuovo gestore, ma intanto adesso c’è questa prima emergenza ed esigenza di ripristinare l’acqua e riaprire le Terme Luigiane, il cui fermo tra l’altro rischia di compromettere oltre 250 posti di lavoro senza dimenticare l’indotto”. (gi. pa.)

LEGGI ANCHE | Terme Luigiane, sit-in alla Regione e appello a Spirlì: “A rischio 250 posti di lavoro”

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Eseguito il primo impianto di un innovativo dispositivo per il trattamento elettrico dello scompenso cardiaco refrattario
In quarantanove pagine le motivazioni che hanno portato all'assoluzione dei due imputati "per non aver commesso il fatto"
"Staremo sull’Aventino fino a quando il centrodestra proseguirà con la sua arroganza. Basta ai decreti omnibus"
Nel 2018 un detenuto svelò un piano ordito per eliminare il magistrato che aveva fatto arrestare diversi esponenti di spicco della 'ndrangheta
A Catanzaro i residenti chiedono all'amministrazione di intervenire nei pressi di un manufatto abbandonato e circondato dalla spazzatura
"Il fenomeno dell'abbandono di veicoli è deprecabile sia dal punto di vista dell'igiene pubblica, che da quello dell'immagine della città"
Al termine dello sciopero è stata ottenuta la convocazione di un incontro con l’amministratore delegato della società
All’inaugurazione era presente il procuratore Nicola Gratteri che ha risposto alle domande poste dai numerosi studenti che hanno partecipato all'iniziativa
Mamme dolci, più sane e belle è questo lo slogan che sta accompagnando l’attività di prevenzione a loro dedicata
Secondo una prima ricostruzione dei fatti sembrebbe che l'uomo, da poco rientrato dall'estero, sia stato ferito durante una rapina
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved